Cambiamenti climatici: Allarme per la flatulenza animale

Cambiamenti climatici: Allarme per la flatulenza animale

Roma – Fa sorridere la notizia che in Australia c’e’ stato un allarme da fuga di gas in una fattoria della quale era “responsabile” una scrofa di 120 chili che, affetta da qualche problema
intestinale, emetteva consistenti quantita’ di gas. Sono addirittura intervenuti i pompieri per assodare i fatti e il tutto e’ finito con una risata.

La flatulenza e’ una miscela di gas e di particelle di feci. Sorridiamo all’idea che i gas emessi dagli animali hanno un qualche effetto sull’inquinamento ambientale ma si stima che il 18 per
cento delle emissioni annuali di gas serra a livello mondiale sono attribuibili a bovini, bufali, pecore, capre, cammelli, maiali e pollame.

Goodland e Anhang, due scienziati americani, autori della ricerca “Animali e cambiamenti climatici”(1) attribuiscono il 51% delle emissioni annuali di gas serra a livello mondiale agli animali.
Le flatulenze sono una minore parte dei gas emessi dagli animali ma la diffusione intensiva degli allevamenti, e dei relativi inquinamenti, dovrebbe indurci a riconsiderare il nostro tipo di
alimentazione nella quale la carne la fa da padrone.

1. http://www.worldwatch.org/node/6294

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Leggi Anche
Scrivi un commento