Debutta la Dote Scuola: Un «tesoretto» che, a partire dall’anno scolastico 2008-2009, potrà accompagnare lo studente in tutto il suo percorso scolastico, sostenendo la sua
libertà di scelta, il diritto allo studio e il merito, le domande potranno essere presentate a partire dalle ore 12:00 di lunedì 21 aprile sino alle ore 24:00 di lunedì 30
giugno.

La Dote è un nuovo complesso di contributi alle famiglie degli studenti che frequentano le scuole lombarde primarie, secondarie di primo grado e secondarie di secondo grado, statali o
paritarie.

«La Dote Scuola – spiega il presidente Roberto Formigoni – è la forma più matura e compiuta di quell’investimento sul capitale umano che la politica della Regione ha posto
da tempo tra le priorità strategiche. Per il governo della Regione Lombardia la chiave dello sviluppo è l’educazione, tanto è vero che negli investimenti nel campo
dell’istruzione è stata all’avanguardia, sostenendo l’effettiva libertà di scelta, il diritto allo studio e gli studenti meritevoli».

«Voglio sottolineare – aggiunge l’assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro, Gianni Rossoni – una importante novità, vale a dire l’accelerazione dei tempi di richiesta e di
pagamento dei contributi. Se prima tutto ciò avveniva durante l’anno scolastico già in corso, con pagamento alla fine delle lezioni, per il prossimo anno scolastico la domanda
dovrà essere presentata dal 21 aprile al 30 giugno 2008. A settembre le famiglie sapranno se e quanto viene loro riconosciuto e a partire da gennaio 2009 incasseranno il
contributo».

La Dote Scuola è articolata in diverse componenti, a seconda della tipologia dei beneficiari.

1 – DOTE PER LA PERMANENZA NEL SISTEMA EDUCATIVO È quella di cui beneficiano gli studenti delle scuole elementari, medie e superiori statali le cui famiglie presentino
un ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) inferiore a 15.458 euro. Questa Dote sostituisce i contributi per i libri di testo, gli assegni di studio e le borse di studio
già previsti per questa tipologia di beneficiari, consentendo alle famiglie di presentare un’unica domanda e presso un solo ente (la Regione).

Il contributo sarà di importo variabile:

– 120 euro per le elementari;

– 220 euro per le medie inferiori;

– 320 euro per le medie superiori.

2 – DOTE PER LA LIBERTA’ DI SCELTA

È il contributo che sostiene la libertà delle famiglia di far frequentare ai propri figli le scuole paritarie (pubbliche non statali, legalmente riconosciute, parificate).

Alle famiglie con indicatore di reddito inferiore o uguale a

8.348,75 euro verrà riconosciuta per ciascun figlio una Dote corrispondente al 50% della previsione di spesa dichiarata, con un tetto massimo di 1.050 euro.

Alle famiglie con un indicatore di reddito compreso tra 8.348,75 euro e 46.597 euro verrà riconosciuta per ciascun figlio una dote corrispondente al 25% della previsione di spesa
dichiarata, con un tetto massimo di 1.050 euro.

A questo tipo di Dote possono in dati casi sommarsi la Dote integrativa e la Dote disabili.

– Dote integrativa. Alle famiglie bisognose, con un ISEE minore o uguale a 15.458 euro verrà riconosciuta un’integrazione pari

a: 500 euro per gli studenti della scuola primaria; 700 euro per gli studenti della scuola secondaria di primo grado; 1.000 euro per gli studenti della scuola secondaria di secondo grado.

– Dote disabili. Alle famiglie che hanno figli con disabilità certificata iscritti alle scuole paritarie sarà assegnato, indipendentemente dall’ISEE o dall’indicatore di reddito,
un contributo di 3.000 euro.

3 – DOTE MERITO

Per promuovere le eccellenze, da assegnare agli allievi delle scuole statali e non statali le cui famiglie abbiano un ISEE inferiore o uguale a 20.000 euro:

– 500 euro per i frequentanti la prima, seconda, terza e quarta superiore che hanno ottenuto una votazione da 7,5 a 10 decimi

– 1.000 euro per chi all’esame per il diploma di scuola secondaria superiore abbia conseguito una votazione di 100 e lode;

– 1.000 euro per chi all’esame di licenza media abbia conseguito una votazione finale almeno pari a ottimo.

COME RICHIEDERE LA DOTE.

La compilazione della domanda di Dote Scuola (in tutte le sue varie componenti) avviene on line.

L’invio può avvenire

– on line (nel caso in cui l’utente sia dotato di firma digitale),

– oppure rivolgendosi alle Scuole paritarie (nel caso di domanda di Dote per la libertà di scelta)

– o presso il Comune di residenza (nel caso di domanda di Dote per la permanenza e Dote per la libertà di scelta).

Per qualsiasi informazione sulla compilazione della modulistica e sull’invio sarà possibile

– cliccare (da lunedì) sul sito www.dote.regione.lombardia.it oppure www.regione.lombardia.it ;

– oppure telefonare al call center 840.00.00.09 (per chiamate da telefono fisso, dal territorio regionale) oppure il numero

02.999.60.801 (per chiamate da cellulare o da telefono fisso al di fuori del territorio regionale).