La Doc GAVI, grande Bianco Piemontese, compie 40 anni

La Doc GAVI, grande Bianco Piemontese, compie 40 anni

filari di cortese

 

DOC GAVI: Cortese in purezza simbolo di un terroir inconfondibile

Era il 26 giugno 1974 quando Il Gavi ottenne la denominazione di origine controllata, a sancire l’identità e la qualità di questo lembo di terra, parte della provincia di Alessandria compresa tra Liguria e Lombardia.
40 anni in cui il Consorzio Tutela del Gavi, organo di vigilanza e valorizzazione della Denominazione (fondato nel 1993) e i produttori hanno percorso insieme la via della eccellenza, in vigna e nel bicchiere, ottenendo la DOCG nel 1998 e rinnovando una tradizione colturale e culturale millenaria che guarda ottimisticamente al futuro.
Quest’anniversario conferma, infatti, la maturità di una viticoltura moderna, che qui ha radici lontane, all’anno 972, come testimonia un documento dell’epoca oggi conservato nell’Archivio di Genova che fa cenno all’affitto di vigne e castagneti a due cittadini di Gavi da parte del Arcivescovo di Genova.

panoramaOggi i 1500 ettari compresi all’interno della Denominazione del Gavi si estendono negli 11 Comuni di Bosio, Carrosio, Capriata d’Orba, Francavilla Bisio, Gavi, Novi Ligure, Parodi Ligure, Pasturana, San Cristoforo, Serravalle Scrivia, Tassarolo e costituiscono una realtà sana, economicamente attiva che investe in qualità e ricerca.
Negli ultimi 10 anni si è assistito ad un’importante crescita del territorio:  + 37% di superficie vitata, da 1076 a 1480 ettari; + 47% di bottiglie prodotte, da 8 a 12  milioni;
+ del 70% della produzione destinato all’export; oltre 200 tra produttori, vinificatori e imbottigliatori, soci del Consorzio; 50 mln di fatturato delle aziende produttrici e 5000 persone impiegate nella filiera.

Numeri positivi che dimostrano l’affermazione del Grande Bianco Piemontese a livello nazionale e internazionale. Un traguardo raggiunto grazie alla maggiore esperienza acquisita dai produttori, che hanno puntato alla produzione di un vino capace di esprimere nel bicchiere la tipicità delle proprie vigne e da una maggiore conoscenza che viene dallo studio approfondito delle vocazioni del territorio.

Non ultima, la maggiore consapevolezza ambientale che dimostra un’attenzione crescente verso una viticoltura non invasiva, rispettosa di una biodiversità unica che è prima di tutto una ricchezza insostituibile per il territorio.
_____          _____          _____          _____          _____          _____

In Piemonte c’è una terra delimitata da 11 comuni, compresi tra Liguria e Lombardia: è una terra unica a trenta chilometri dal mare, lembo inferiore della Pianura del Po che sale verso i colli e si arrampica sull’Appennino Ligure.

Questa terra di confine, sospesa nel tempo, autentico paesaggio che alterna vigneti, boschi, valli e dolci colli è il territorio della Denominazione del Gavi, vino Cortese, il Grande Bianco Piemontese.

Newsfood.com

Newsfood.com

IL CONSORZIO TUTELA DEL GAVI

Il Consorzio Tutela del Gavi è da sempre impegnato nella tutela e nella valorizzazione del prodotto più espressivo del territorio: il GAVI DOCG.

Nei vent’anni dalla sua fondazione il Consorzio Tutela del Gavi ha percorso importanti tappe di qualificazione e rivalutazione della Denominazione che rappresenta, compresa negli 11 Comuni di Bosio, Capriata d’Orba, Carrosio, Francavilla Bisio, Gavi, Novi Ligure, Parodi Ligure, Pasturana, San Cristoforo, Serravalle Scrivia, Tassarolo.

E’ il costante lavoro del Consorzio, e di tutti i produttori, a rafforzare questo territorio, oggi una realtà sana, economicamente attiva che investe in qualità e ricerca.

I numeri della Denominazione (negli ultimi 10 anni)

+ 37% di superficie vitata – da 1076 ettari a 1480
+ 47% di bottiglie prodotte – da 8 a 12 milioni
+ del 70% della produzione destinato all’export
200 tra produttori, vinificatori e imbottigliatori, soci del Consorzio
50 mln di fatturato delle aziende produttrici
5000 persone impiegate nella filiera

IL CONSORZIO “ERGA OMNES”

Nel 1993 nasce il Consorzio a tutela e valorizzazione della Denominazione del GAVI DOCG. E’ un Ente Erga Omnes che agisce in favore e a sostegno di tutta la filiera di produttori, vinificatori e imbottigliatori.

TUTELA
Per la conservazione, il miglioramento, la sostenibilità ambientale della produzione, del territorio e del terroir del Gavi.

VALORIZZAZIONE
Per promuovere l’immagine del Gavi in Italia e nel mondo, partecipando a fiere, organizzando workshop e corsi, invitando opinion leader, giornalisti e buyer; per diffondere la conoscenza del territorio e della sua produzione enologica di eccellenza.

40 ANNI DI PASSIONE, IMPEGNO, QUALITA’

1974 – E’ riconosciuta la Denominazione di Origine Controllata del “Gavi” o “Cortese di Gavi” con Decreto del Presidente della Repubblica. E’ riservata ai vini bianchi che rispondono ai requisiti previsti dal disciplinare.

1997 – Parte il progetto di selezione clonale del patrimonio viticolo. In collaborazione con gli esperti del CNR di Torino si sono selezionati i migliori esemplari di Cortese provenienti dai vigneti della Denominazione.

1998 – Il Gavi è DOCG. E’ l’anno della Denominazione di Origine Controllata e Garantita. Grazie a rese più basse in vigna si incrementa la qualità della produzione di Cortese del  Gavi.

2002-2004 – Il Consorzio è il primo in Italia a procedere alla sistematica verifica dei vigneti appartenenti alla Denominazione sotto il profilo catastale e ampelografico. Le visite e le foto aeree del territorio certificano che nei vigneti sono presenti solo barbatelle di Cortese per la produzione di Gavi in purezza.

2007 – Il Consorzio elabora una dettagliata analisi del territorio attraverso Carte di assolazione, pendenza, altitudine ed esposizione al fine di fornire ai produttori una “mappa” scientifica per valutare al meglio le vocazioni dei singoli appezzamenti.

2011 – Nasce il Progetto GAVI972 per la promozione del territorio: www.gavi972.it e si concretizza la presenza sui social network.

2014 – La DOC festeggia i suoi primi 40 anni (con un’etichetta Anniversario): è la maturità di una delle più grandi eccellenze enologiche italiane.

GAVI DOCG: IL VINO

GAVI DOCG è Cortese in purezza, in 5 tipologie: Fermo, Frizzante, Spumante, Riserva e Riserva Spumante Metodo Classico.

Le caratteristiche del vino si possono così riassumere: nel bicchiere appare giallo paglierino fino a raggiungere sfumature più cariche con riflessi dorati; il naso coglie ampi spettri di profumi, dai fiori bianchi e odorosi alla vaniglia, dal miele di acacia alla frutta bianca e matura, dalla mandorla dolce alla pesca. Al palato è fresco, pieno, armonico di grande eleganza e finezza. Nelle tipologie Riserva guadagna in ampiezza di naso, dove alla frutta subentrano interessanti aromi terziari e in bocca è vellutato, rotondo, ricco.

Il disciplinare limita la zona di produzione a 11 comuni:  Bosio, Carrosio, Capriata d’Orba, Francavilla Bisio, Gavi, Novi Ligure, Parodi Ligure, Pasturana, San Cristoforo, Serravalle Scrivia, Tassarolo e indica come resa massima per ettaro 95 q.li per le tipologie Fermo, Frizzante e Spumante e 65 q.li per la Riserva e la Riserva Spumante. La resa massima
dell’uva in vino non deve essere superiore al 70%.

PERCHE’ UN VINO BIANCO IN PIEMONTE
La presenza di un grande vino bianco in Piemonte, regione di straordinaria qualità per i vini rossi, è rivelatrice del profondo legame che la terra del Gavi ha sempre avuto con la Repubblica di Genova: la cucina dei signori genovesi, che nei feudi di queste terre avevano la loro dimora “di campagna”, era a base di pesce, carni magre e verdure e si sposava perfettamente con il Cortese, il “nobile” vitigno autoctono, che qui, in epoche antichissime, trovava già la sua massima espressione.

 

Redazione Newsfood.com


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/giusep26/public_html/newsfood.com/wp-content/themes/logger/single.php on line 540
Leggi Anche
Scrivi un commento