I dieci awards al Biwa 2015

I dieci awards al Biwa 2015

Dieci gli awards assegnati per il 2015 da una giuria diversa da quella che ha stilato la classifica dei 50 migliori vini d’Italia:
Per la “azienda e tradizione” a Barberani perché ha saputo preservare e rilanciare le tradizioni enologiche del proprio territorio.
Per il “vino promessa” alla Tenuta Sette Ponti per il  Vigna dell’Impero 1935 Valdarno di Sopra doc che si prepara ad entrare nel pantheon dei grandi vini.
“vino da uve autoctone rosso” meritevole di un awards è il Mamuthone Cannonau di Sardegna doc rosso 2011 di Giuseppe Sedilesu perché continua a portare avanti il messaggio enologico del proprio territorio; mentre per il “bianco” è stato scelto il Trebbiano d’Abruzzo Vigneto di Popoli 2013 di Valle Reale.
“Vino pop” è il Fior d’arancio moscato giallo spumante docg 2013 di Maeli..
Il “miglior sommelier” è Sokol Ndreko del ristorante Lux Lucis a Forte dei Marmi per la sua classe, eleganza e professionalità.
“Alfiere del territorio” è il Castello del Terriccio perché riesce ad andare oltre la vite.
Per la “viticoltura eroica” è stato premiato Rosset Terroir perché non si ferma davanti a nessuna difficoltà.
Per “vino e tavola” c’è il Dolcetto d’Alba doc Barturot Ca’ Viola.
“comunicazione e social media”, è stati premiato Umberto Cesari perché sa diffondendo i propri talenti, divulgandoli attraverso  l’uso dei più contemporanei metodi di comunicazione.
C’è da dire che per le motivazioni di alcuni premi, si è ricorso ad un linguaggio non proprio chiaro. E questo, in un momento di difficoltà per un prodotto come il vino che non riesce a farsi ascoltare bene dai consumatori, non è un fatto positivo.
Non si può, poi, non evidenziare che lunedì 21, giorno di presentazione del Biwa, il quotidiano La Gazzetta dello Sport ha pubblicato anche i nomi dei vincitori degli awards che, a quanto pare, non erano stati ancora comunicati ai media. Casualmente, il vice direttore della “rosa” è uno dei componenti della giuria dei Best italian wine awards.

Michele Pizzillo
Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento