Intervista al dr. Sergio Stagnaro: il limone e la Semeiotica Biofisica Quantistica (SBQ)

Intervista al dr. Sergio Stagnaro: il limone e la Semeiotica Biofisica Quantistica (SBQ)

Vedi altri articoli su Dr Sergio Stagnaro/SBQ/prevenzione oncologica…

 

Dr. Stagnaro, Lei è il fondatore della Semeiotica Biofisica Quantistica: ci può spiegare in parole semplici in che cosa consiste?

La Semeiotica Biofisica Quantistica (SBQ), estensione della semeiotica medica classica, è una disciplina che studia ed interpreta i segni del corpo umano provenienti dai vari sistemi biologici al fine di diagnosticarne eventuali patologie, rivalutando l’antico metodo della Percussione Ascoltata. Esso fornisce un ottimo aiuto per la diagnosi clinica, ma la sua applicazione più innovativa è quella di favorire anche la diagnosi pre-clinica al letto del paziente, ossia il riconoscimento, usando il fonendoscopio, di eventuali predisposizioni – tecnicamente chiamate costituzioni o terreni – alle più gravi patologie, come ogni forma di cancro solido e liquido, il diabete mellito, le patologie cardiovascolari e quelle neurodegenerative. Il metodo SBQ oltre alla diagnosi è un utile e pratico strumento a disposizione del medico per il monitoraggio terapeutico nell’ambito di una prevenzione primaria e pre-primaria su soggetti finemente selezionati, sia razionalmente che quantitativamente.

Il metodo della Percussione Ascoltata?

Sì, con il semplice ausilio del comune fonendoscopio è possibile ascoltare i messaggi che il corpo emette quando è opportunamente stimolato. Gli stimoli hanno la funzione di indurre dei comportamenti coerenti in ben definiti sistemi biologici del corpo umano, che danno in questo modo localmente delle informazioni quantitative e qualitative sullo stato di salute o di patologia, sia essa potenziale, in fase di sviluppo ma non ancora evidente secondo gli usuali test clinici, sia effettiva od in fase cronica.

Quali sono i meccanismi fisiopatologici alla base questa diagnostica?

C’è una complessa patofisiologia che sostiene l’antico metodo che ho rivalutato negli anni sessanta e che ho rinominato, nel 1970, Riflesso Diagnostica Percusso-Ascoltatoria. Essa trae il suo fondamento dall’intima relazione che c’è tra genoma, parenchima e relativi microvasi, e si concretizza in profondità, alla grana più fine, nella valutazione clinica delle oscillazioni non-lineari, fisiologicamente caotico-deterministiche, dei microvasi e delle micro-strutture in esse presenti (Microangiologia clinica). Per comprendere ed interpretare al meglio questi fenomeni biologici occorre però una preconoscenza di alcuni elementi di altre discipline come la matematica applicata ai sistemi dinamici non-lineari (vedi teoria del caos deterministico) e la fisica applicata ai quanti, alla realtà non-locale ed all’entanglement in biologia.

Lei parla di prevenzione pre-primaria e primaria.

La SBQ consente un’efficace prevenzione primaria in quanto permette di rilevare fin dalla nascita la predisposizione a ben definite patologie, come il cancro, il diabete mellito, l’ipertensione, le cardiopatie ischemiche, potenzialmente presenti solo in caso di alterazione del DNA mitocondriale materno, causa di una particolare citopatia mitocondriale, l’Istangiopatia Congenita Acidosica Enzimo-Metabolica (ICAEM). Se essa fosse intensa, fin dalla nascita darebbe luogo a specifiche Costituzioni SBQ, terreni sui quali potrebbero insorgere le corrispettive patologie, sempre precedute dal relativo Reale Rischio congenito, diagnosticato con un fonendoscopio, ma eliminabile con una Terapia Quantistica Mitocondriale Ristrutturante, di cui accenno tra poco. Se su vasta scala questi stadi pre-clinici fossero diagnosticati, si potrebbe attuare una ben definita prevenzione primaria in modo tale da minimizzare od addirittura sanare questi Rischi impedendo l’insorgenza delle correlate malattie.

La prevenzione pre-primaria si attua invece prima del concepimento di un figlio. Sono già diversi i casi di genitori che hanno accettato di sottoporsi ad essa con successo. Se entrambi i genitori avessero il Terreno Oncologico il figlio nascerebbe certamente con la medesima costituzione. Tuttavia, con la prevenzione pre-primaria correttamente eseguita si evita di trasmettere al figlio questa predisposizione (vedi http://www.sisbq.org/manuel-story.html).

Quale tipo di prevenzione suggerisce?

La terapia preventiva, che comprende molteplici preparati, deve essere personalizzata per ogni singolo paziente, secondo la Single Patient Based Medicine (medicina basata sul singolo paziente), e deve essere prescritta solo dopo un’accurata visita medica SBQ.

Teniamo bene in mente che ogni trattamento non è esclusivo, nel senso che ciascuno non sostituisce od esclude ogni altro, perché ogni componente della prevenzione terapeutica ha i suoi particolari benefici effetti.

Tutte le strade portano a Roma, ma per percorsi diversi. Ci sono trattamenti che offrono benefici antiossidanti, altri migliorano l’ossigenazione tessutale e la respirazione mitocondriale, altri ancora retro-agiscono geneticamente in maniera favorevole sulle cause prime del Reale Rischio congenito di patologia. In questo senso, nessuna componente è meglio di altre: ogni terapia, sia essa ad esempio omeopatica, naturale o quantistica, ha la sua peculiare funzione, perciò suggerisco sempre di combinare ad hoc le diverse terapie, ovviamente personalizzandole nel tempo e nei dosaggi sulla base dei dati del monitoraggio terapeutico, e scegliendole in base all’iniziale diagnosi formulata, alle caratteristiche uniche di ogni paziente ed al suo quadro d’insieme clinico e/o pre-clinico.

Negli ultimi sessant’anni, grazie alla peculiarità del metodo SBQ di facilitare il monitoraggio terapeutico, ho avuto la possibilità di testare diversi tipi di trattamenti, di ogni tipo e natura, valutandone l’efficacia a livello clinico, ossia quantificandone biologicamente, al letto del paziente, gli effetti nel tempo.

Quali sono i trattamenti maggiormente efficaci a livello preventivo?

Premetto che l’efficacia di ogni singolo trattamento può essere migliorata e perfezionata combinandolo con altri (nonché aggiornata nella composizione e nei dosaggi grazie al periodico monitoraggio) e che le evidenze cliniche e sperimentali che ho raccolto in questi ultimi decenni, pubblicate Medline ed in diverse peer-review a livello mondiale, hanno spesso anticipato i tempi, nel senso che solo parecchio tempo dopo alcuni di questi trattamenti hanno cominciato ad essere suggeriti da colleghi e ricercatori internazionali in maniera diffusa a livello di prevenzione.

Mi riferisco sia a soluzioni naturali come la dieta Mediterranea modificata etimologicamente intesa, ossia accompagnata da un appropriato quotidiano esercizio fisico, il coenzima Q10, la melatonina coniugata, la carnitina, l’acqua sulfurea, il succo di noni (o morinda citrifolia), il Cell-food, i bioflavonoidi, gli anticianosidi (es. di mirtillo), l’ascorbato di sodio e/o di potassio, che ad innovazioni provenienti dalla fisica applicata alla medicina come le emissioni di radiazioni vicino agli infrarossi o NIR-LED (Near Infrared Ligh Emission Diodes), le emissioni laser a basso livello o LLLT (Low Level Laser Therapy) e le onde millimetriche (in particolare prodotte dall’Ak-Tom), le più recenti da me sperimentate.

A proposito di flavonoidi, di recente lei ha iniziato a suggerire l’utilizzo del limone in un modo singolare.

Gli effetti benefici del limone in medicina sono stati sottolineati di recente anche da uno studioso di valore mondiale, il prof. Giuseppe Remuzzi dell’Istituto Mario Negri di Milano   (https://www.youtube.com/watch?v=TBgOk4j1hQE). L’utilizzo che io ne consiglio va compreso però nel quadro di ciò che ho chiamato Terapia Quantistica Mitocondriale e Ristrutturante.

Questa terapia agisce attraverso radiazioni elettromagnetiche deboli, biocompatibili, originate da fonti naturali e/o farmacologiche, usate in modo originale, che ristrutturano DNA mitocondriale e DNA nucleare geneticamente alterati, sotto il monitoraggio terapeutico realizzato con la SBQ, da ripetere prudenzialmente nel tempo, secondo lo spirito della Single Patient Based Medicine.

Appare interessante il fatto che i benefici iniziano subito dopo la prima applicazione della terapia, ma la ristrutturazione dei sistemi biologici trattati è completata in alcuni casi dopo nove mesi circa.

Ho iniziato questo innovativo approccio studiando le radiazioni elettromagnetiche deboli provenienti da acqua energizzata con bicarbonato di sodio. Dopodiché, sapendo che il bicarbonato di sodio è utilizzato talvolta insieme al limone, come rimedio naturale alcalinizzante, mediante monitoraggio e diagnosi differenziale ho osservato le differenze tra il solo impiego di acqua energizzata con bicarbonato di sodio ed acqua energizzata con bicarbonato di sodio, con aggiunta di almeno sette gocce di limone e non meno di cinque gocce di Cell-Food. E’ importante che l’acqua, così energizzata, sia accuratamente rimescolata con un cucchiaino prima di berla, per renderla tutta terapeutica tenendo conto dei cosiddetti domini di coerenza.

Può darci un esempio pratico di questo suo trattamento di prevenzione a beneficio dei nostri lettori.

A livello di prevenzione pre-primaria e primaria, pur non conoscendo propriamente le personali Costituzioni o i Reali Rischi congeniti, suggerisco di intraprendere la seguente terapia quantistica con bicarbonato di sodio e limone, che non ha controindicazioni od effetti collaterali; essa è facile da seguire e praticamente a costo zero.

Viene chiamata ‘mitocondriale ristrutturante’ perché va ad agire sui mitocondri migliorando la loro funzionalità, e favorisce la ristrutturazione del DNA mitocondriale geneticamente alterato, ovvero destrutturato se consideriamo la sua struttura di natura frattale (la frattalità del genoma è una recente scoperta che viene da ricercatori statunitensi e corroborata da me a e dai miei Collaboratori).

Negli adulti, la Terapia Quantistica con acqua energizzata, in questo caso, si attua seguendo questa procedura: 1) il giorno prima di iniziare la terapia quantistica, si sciolgono 3 cucchiaini di bicarbonato di sodio in una bottiglia da ½ litro riempita d’acqua naturale e si chiude bene la bottiglia (quest’acqua non va mai bevuta ed è energizzante per oltre 2 mesi); 2) si pone la bottiglia d’acqua con bicarbonato sodico sopra il comodino dal lato dove si dorme per usufruire delle sue radiazioni durante la notte; 3) a fianco della bottiglia si pongono due bicchieri contenenti acqua naturale; 4) al risveglio, si beve un bicchiere d’acqua (che è stata energizzata durante la notte) dopo aver aggiunto una punta di cucchiaino di bicarbonato sodico, con aggiunta di circa 7 gocce di succo di limone e 5 gocce di Cell-Food, e averla prima rimescolata, come spiegato sopra; 5) prima di pranzo e cena, si bevono complessivamente altri due bicchieri d’acqua naturale energizzata, ovviamente rimpiazzati sul comodino, come sopra trattata, agitandola sempre accuratamente con un cucchiaino prima di berla.

N.B.! E’ bene aggiungere all’acqua dei bicchieri le gocce di succo di limone e di Cell-Food, solo subito prima di berla e dopo averla agitata bene. Se fossero disponibili fonti termali sulfuree, consiglio di affiancare una bottiglia da ½ litro riempita di acqua termale sulfurea alla bottiglia d’acqua col bicarbonato di sodio, già posta sul comodino. Possibilmente, suggerisco di aggiungere anche una bottiglia di succo di noni, anch’essa da lasciare ben chiusa. Sottolineo che non si deve bere mai il contenuto delle bottiglie lasciate sul comodino, che vanno dunque sempre mantenute tappate e ben chiuse, bensì si deve bere solo l’acqua naturale, energizzata con le radiazioni provenienti dalle bottiglie stesse, se possibile con le aggiunte (es. gocce di limone) menzionate sopra.

Ultima domanda: sulla base di quale informazione clinica Lei vede che è più efficace l’aggiunta del limone all’acqua energizzata col bicarbonato di sodio?

Ci sono diversi parametri SBQ che si possono prendere in esame. A titolo di esempio, se osservo il tempo di latenza del riflesso gastrico aspecifico, il quale esprime il livello di ossigenazione nei tessuti, esso ha un valore basale nel sano di 8 secondi. Se un soggetto intraprende una terapia come sopra utilizzando solamente acqua energizzata col bicarbonato di sodio, il suo livello di ossigenazione tessutale raddoppia, va da 8 a 16 secondi. Attenzione però: se all’acqua energizzata con bicarbonato di sodio aggiungiamo anche 7 gocce di limone, il livello di ossigenazione tessutale addirittura triplica, da 8 va a 24 secondi. Se poi si aggiunge anche il Cell-Food si osserva che la valutazione dei glicocalici migliora! A buon intenditore poche parole…

Bibliografia

Caramel S. Manuel’s story. QBS Magazine, 2011. Available at: http://www.sisbq.org/qbs-magazine.html

Caramel S. Meccanismi d’Azione Sconosciuti dell’Acqua Termale Sulfurea. JOQBS, 2012.

http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/h2s.pdf

Caramel S. Auscultatory Percussion of the Stomach, according to Sergio Stagnaro. Handbook, 2014.

http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/cardiogarap_handbook.pdf

Caramel S and Stagnaro S. The Genetic Reversibility in Oncology. JOQBS, 2011.

http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/reverse_oncology.pdf

Caramel S and Stagnaro S. QBS and mit-Genome’s fractal dimension. JOQBS 1 1-27, 2011.

http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/joqbs_mitgenome.pdf

Caramel S et al. Background Millimeter Radiation Influence in Cardiology on patients with metabolic and pre-metabolic syndrome. Journal of Infrared and Millimeter Waves, Shangai, China, Vol.1, February 2014.

http://journal.sitp.ac.cn/hwyhmb/hwyhmben/ch/reader/view_abstract.aspx?flag=1&file_no=120750&journal_id=hwyhmben

Caramel S et al. Morinda citrifolia Plays a Central Role in the Primary Prevention of Mitochondrial-dependent Degenerative Disorders. Asian Pac J Cancer Prev 2015; 16(4):1675. [Medline]

Marchionni M et al. Inherited real risk of Alzheimer’s disease: bedside diagnosis and primary prevention. Front Aging Neuroscience, 2013. [Pub-Med indexed for Medline]

http://www.frontiersin.org/Aging_Neuroscience/10.3389/fnagi.2013.00013/full

Marchionni M et al. The role of ‘Modified Mediterranean Diet’ and quantum therapy in Alzheimer’s disease primary prevention. JNHA, Springer, Vol. 18, 1, 2014. [Pub-Med indexed for Medline]

Stagnaro S. Istangiopatia Congenita Acidosica Enzimo-Metabolica. Una Patologia Mitocondriale Ignorata. Gazz Med It Arch Sci Med 1985; 144:423.

Stagnaro S. Le Costituzioni Semeiotico Biofisiche. Ed. Travel Factory, Roma, 2004.

Stagnaro S. La Melatonina nella prevenzione primaria dei tumori. Ed. Travel Factory, Roma, 2004.

Stagnaro S. Reale Rischio Semeiotico Biofisico. Ed. Travel Factory, Roma, 2009.

Stagnaro S and Neri Stagnaro M. Introduzione alla Semeiotica Biofisica. Il Terreno Oncologico. Ed. Travel Factory, Roma, 2004; pg. 194-195.

Stagnaro S. Introduzione alla Microangiologia Clinica, JOQBS, 2011.

http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/mc_intro.pdf

Stagnaro S. Il Manifesto della Medicina Semeiotico Biofisico Quantistica Ristrutturante (MSBQR), JOQBS, 2013.

http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/manifestomedicinasbqristrutturante2013.pdf

Stagnaro-Neri M and Stagnaro S. Deterministic chaotic biological system: the microcirculatoory bed. Theoretical and practical aspects. Gazz. Med It Arch Sc Med 1994; 153:99.

Stagnaro-Neri M et al. Biophysical Semeiotics: deterministic Chaos and biological Systems. Gazz. Med. It. Arch. Sc. Med. 155, 125, 1996.

Stagnaro S and Caramel S. The Principle of Recursive Genome Function: QBS clinical and experimental evidences. JOQBS, 2011. Available at: http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/prgf_qbsevidences.pdf

Stagnaro S and Caramel S. A New Way of Therapy based on Water Memory-Information: the Quantum Biophysical Approach. JOQBS, 2011. Available at: http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/qbtherapy.pdf

Stagnaro S and Caramel S. Quantum Therapy: A New Way in Osteoporosis Primary Prevention and Treatment. Journal of Pharmacy and Nutrition Sciences, February 2012.

Stagnaro S and Caramel S. The Role of Mediterranean Diet, CoQ10 and Conjugated-Melatonin in Osteoporosis Primary Prevention and Therapy Current Nutrition & Food, Bentham Science 2012; 8(1):55-62.

Stagnaro S, Caramel S. Inherited Real Risk of Coronary Artery Disease: pathophysiology, diagnosis and primary prevention. Epidemiology and Cardiovascular Prevention. Brief Communication. 8th International Congress of Cardiology in the internet. Published: 28 October 2013. FAC Federaciòn Argentina de Cardiologia.

http://fac.org.ar/8cvc/llave/tl054_stagnaro/tl054_stagnaro.php

Stagnaro S and Caramel S. The Inherited Real Risk of Coronary Artery Disease, Nature PG., EJCN, European Journal Clinical Nutrition, Nature PG, 2013 Apr 24. [Pub-Med indexed for Medline]

Stagnaro S and Caramel S. Inherited Real Risk of Type 2 Diabetes Mellitus: bedside diagnosis, pathophysiology and primary prevention. Front Endocrinol (Lausanne), 2013. [Pub-Med indexed for Medline]

http://www.frontiersin.org/Diabetes/10.3389/fendo.2013.00017/full

Stagnaro S and Caramel S. The Role of Modified Mediterranean Diet and Quantum Therapy in Oncological Primary Prevention. Bentham PG., Current Nutrition & Food Science 2013; 2212-3881.9: 1.

http://eurekaselect.com/106105/article

Stagnaro S and Caramel S. The Role of Modified Mediterranean Diet and Quantum Therapy in Type 2 Diabetes Mellitus Primary Prevention. Life Science Global. February 2013, Journal of Pharmacy and Nutrition Sciences, 2013, 3.

Stagnaro S. Il Glicocalice nella Diagnosi SBQ di Terreno Oncologico di Di Bella. JOQBS, 2011.

http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/glicocaliceoncologico.pdf

Sergio Stagnaro, MD, Gastroenterologo
Via Erasmo Piaggio 23/8
16037 Riva Trigoso
Genova, Italia
[email protected]

Affiliazione:

Presidente della SISBQ (Società Internazionale di Semeiotica Biofisica Quantistica)

Sergio Stagnaro è un medico scienziato di 84 anni, laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Genova, e specializzato all’Università di Pavia in Patologie Gastrointestinali e Metaboliche del sangue. Dal 1955 ha sviluppato l’antico metodo della Percussione Ascoltata, fondando la Riflesso Diagnostica Percusso Ascoltatoria e la Semeiotica Biofisica Quantistica, che permette ai medici di valutare clinicamente il caos deterministico dei sistemi biologici, interpretati alla luce dei fenomeni di entanglement bio-quantistico.

I risultati delle sue ricerche sono raccolti in 7 libri e più di 600 articoli (22 Medline). La sua biografia è menzionata nel famoso Who’s Who. Egli è presidente onorario della SISBQ, Società Internazionale di Semeiotica Biofisica Quantistica (www.sisbq.org) che promuove la sua opera e le sue ricerche nel mondo intero.

Redazione Newsfood.com
Contatti

=======================================
Le interviste al Dr Sergio Stagnaro sono realizzate con il prezioso contributo di Simone Caramel e Mario Siniscalchi, con l’intenzione di portare a conoscenza dei lettori di Newsfood gli orizzonti della prevenzione a tavola contro i principali mali che minacciano la nostra salute.

Giuseppe Danielli
Direttore e Fondatore Newsfood.com
Contatti

=======================================

Related Posts
Leave a reply