Un bimbo di un anno è morto ucciso da un mastino napoletano in provincia di Roma. Ebbene il Codacons aveva diffidato il sottosegretario alla Salute Francesca Martini, che sta
addirittura per eliminare la lista delle 17 razze attualmente considerate potenzialmente pericolose, perché ampliasse e potenziasse l’elenco, inserendo appunto anche il
mastino napoletano.

Non si capisce, infatti, perché dalle ordinanze Sirchia, Storace e poi Turco siano stati esclusi cani come: Mastino napoletano, American Staffordshire Terrier, Staffordshire Bull
Terrier, Dobermann, Dogue De Bordeaux, Mastiff, Cane Corso.

L’incidente di oggi dimostra che ci sono alcune razze che, per quanto possano essere considerate “buone”, restano comunque potenzialmente molto più pericolose
delle altre, per la loro potenza, per la forza che hanno, per le loro mascelle poderose.

Ma la Martini continua la sua battaglia ideologica e settaria a favore dei cani, e si appresta ad eliminare le razze pericolose, non comprendendo che è un fatto assolutamente
normale che un cane morsichi un uomo, come dimostrano le 191 morsicature che si verificano ogni giorno.

Non è però la stessa cosa essere morsicati da un barboncino piuttosto che da un mastino napoletano o da un pitbull, visto che questi cani, per la loro potenza, possono
anche uccidere, come dimostra il caso di oggi!