“Pane, amore e fantasia”: è il titolo di un celebre film, ma potrebbe esprimere perfettamente lo spirito che anima I segreti di un’arte, l’ultimo libro presentato
dalla casa editrice Arte Bianca e dedicato al lavoro del panificatore.

Ne è autrice Simona Lauri, esperto tecnico di panificazione e docente di formazione pratica, che, partendo dalla convinzione che è ormai superato il concetto della panificazione
come tradizione familiare, come segreto da tramandare da padre in figlio, mette a disposizione dei giovani panificatori e di tutto coloro che sono interessati a quest’arte la sua
pluriennale esperienza di docente e di tecnologo alimentare.

I segreti di un’arte, in questo senso, è ben più di un semplice libro di ricette: si tratta di una guida “utile e dilettevole”, dedicata all’arte della
panificazione e pensata per un uso quotidiano, semplice e scientifico allo stesso tempo.

I segreti di un’arte, infatti, è la prima pubblicazione che applica la teoria (perfettamente illustrata) alla produzione quotidiana, per fornire un aiuto concreto agli artefici di
queste creazioni.

Il panificatore, in quest’ottica, assume un ruolo fondamentale nella tecnologia di produzione perché è “regista e sceneggiatore” di un’opera in cui i
protagonisti sono i lieviti ed i batteri.

In virtù di questa consapevolezza, I segreti di un’arte spiega con un linguaggio semplice e piano unito ad un certo rigore scientifico i meccanismi che regolano la panificazione,
anche grazie all’analisi microbiologica delle problematiche che da essa derivano.

E la pubblicazione non manca di illustrare i segreti del “…saper intrecciare”, insegnando step by step ogni singolo passaggio mediante l’ausilio del testo affiancato ad
un ricchissimo supporto iconografico.

Per questi motivi ci sembra appropriato riportare l’auspicio di Edvino Jerian, Presidente della Federazione Italiana Pasticcieri ed Affini, affinchè I segreti di un’arte
“rappresenti un aiuto ed un riferimento concreto per i panificatori italiani, consentendo loro di esprimere con sempre migliori risultati quell’amore e quella passione che hanno
fatto dell’Arte Bianca non solo un mestiere ma soprattutto una scelta di vita.”