Il Codacons ha ricevuto segnalazioni circa la carenza di giocattoli per i bambini che hanno perso la casa a causa del terremoto e che attualmente alloggiano in tendopoli o negli alloggi messi a
disposizione degli sfollati.

Il crollo delle abitazioni ha lasciato migliaia di bambini senza giochi e senza passatempo – spiega il Presidente Codacons, Carlo Rienzi – Circostanza che rende ancora più triste la
situazione dei bimbi sfollati, i quali stanno vivendo un vero e proprio trauma. Invitiamo pertanto i cittadini italiani – prosegue Rienzi – a contattare la Protezione civile e le organizzazioni
che stanno assistendo gli sfollati, al fine di far pervenire presso i comuni colpiti dal sisma giocattoli e altri passatempo da destinare ai bambini del posto.