Dopo i casi di abusi sessuali registrati a Roma e in Italia negli ultimi giorni, il rischio concreto è quello di una giustizia “fai da te”, specie nei più
giovani.

L’onda emozionale negli ultimi episodi – spiega il Presidente Codacons, Carlo Rienzi – sta portando molti ragazzi a studiare metodi di autotutela contro la
criminalità dilagante, in un clima in cui la sensazione di insicurezza nelle città regna sovrana.

Il pericolo principale che si avverte navigando in internet o ascoltando i discorsi dei più giovani – prosegue Rienzi – consiste nelle armi, di cui troppi ragazzi si
stanno munendo per far fronte ad eventuali aggressioni. Una siffatta situazione porterà inevitabilmente ad una nuova escalation di violenza, contro la quale le istituzioni devono
intervenire con urgenza.