A Bit 2009 sempre più all’insegna della qualità

 

Milano – Dopo i positivi riscontri dell’esordio lo scorso anno, ritorna CerticiBit, l’appuntamento con il turismo delle buone abitudini alimentari e delle
produzioni enogastronomiche di qualità, nell’ambito della 29.ma Bit – Borsa Internazionale del Turismo, che si svolge al quartiere fieramilano a Rho da giovedì
19 a domenica 22 febbraio 2009.

Patrocinato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, quest’anno
“l’atlante del gusto” di Bit dedica uno spazio ancora più ampio all’inserimento dei prodotti enogastronomici certificati nel contesto del loro territorio.
Specificità che costituiscono attrazioni turistiche sulle quali CerticiBit costruisce la sua proposta di un nuovo turismo rurale consapevole e sostenibile, che sceglie il
prodotto tipico non per moda, ma perché ha conosciuto e apprezzato i territori e gli ambienti dove viene prodotto.

La seconda edizione di CerticiBit vede presenti le massime realtà istituzionali del settore, oltre a una rassegna completa dei migliori Operatori del turismo rurale,
agroalimentare ed enogastronomico provenienti da tutta Italia.

“Questa seconda edizione di CerticiBit – dichiara Corrado Peraboni, Amministratore Delegato di Fiera Milano Expocts, organizzatore di Bit – concretizza al meglio uno
dei punti chiave della filosofia di Bit: coniugare la valorizzazione di un segmento di mercato, a vantaggio degli Operatori, con la maggiore conoscenza dei territori e dei loro valori
da parte dei Viaggiatori, innescando un circolo virtuoso che punta a un continuo miglioramento qualitativo del sistema turismo nel suo insieme. È in questa logica che
quest’anno CerticiBit punta in modo particolare su una più stretta connessione tra i prodotti enogastronomici e i loro territori, e su un’offerta culturale densa di
appuntamenti di grande spessore”.

In linea con questo spirito, CerticiBit si presenta ancora più completo e approfondito, forte di un ricco programma culturale. Un fitto calendario di eventi copre l’intera
durata della manifestazione, coordinato da due tra i maggiori esperti del settore: Adriano Agnati, Segretario Generale della Fondazione Buon Ricordo, emanazione del Touring Club
Italiano, e Davide Paolini, Gastronauta e docente a contratto di turismo gastronomico all’Università di Parma.

Nei quattro giorni di Bit si susseguiranno continui incontri all’interno dell’area eventi CerticiBit pad.1. La conferenza inaugurale di CerticiBit (venerdì 20 alle
ore 11.00) sarà dedicata al tema Il cibo come medium dei territori: prodotti, vini, cucina e ambiente: ricetta del Made in Italy per attrarre i viaggiatori, ma già
giovedì 19 sarà possibile partecipare alla presentazione della ricerca I prodotti tipici e turismo: la domanda, i canali e le opportunità per le imprese, a cura di
Sardegna Ricerche (ore 13.00), alla consegna del premio “Bandiere Arancioni” del Touring Club Italiano al miglior programma di accoglienza (ore 14.00) e alla conferenza di
presentazione del Flower Film Festival 2009 (ore 16.00).

Si proseguirà quindi da giovedì a domenica con approfondimenti su prodotti e territori (Acqualagna, Lucania, Montefalco, Sud-Sardegna, Terre di Arezzo, Toscana, Piemonte,
Valle del Po) e sulla cultura dei cibi e dei vini.

“La fama e il fascino di un prodotto tipico e di un paesaggio rurale sono un bene immateriale che crea valore aggiuntivo per l’intero territorio. Il programma culturale che
CerticiBit propone offre sia agli Operatori sia al Pubblico elementi di riflessione e documentazioni interessanti di spessore storico capaci di consolidare tanto nei professionisti
quanto negli utenti la consapevolezza di questo fenomeno”, commenta Adriano Agnati.

E aggiunge Davide Paolini: “Il programma di CerticiBit è basato sulla presenza quali ospiti dei protagonisti di questa realtà, per far conoscere le chiavi del loro
successo, i loro tesori e, in questo modo, comunicare il loro territorio in modo inconsueto, quasi didattico. Avremo così nelle quattro giornate molte case history che potranno
costituire precedenti per altre esperienze in corso o future”.

Con il rafforzamento di CerticiBit, Bit conferma la sua attenzione per il turismo sostenibile di qualità, legato alla riscoperta della terra. Un segmento di mercato che, secondo
dati Coldiretti, con un valore di cinque miliardi di euro è uno dei principali driver del turismo del Bel Paese, forte di circa 18mila agriturismi ai quali si aggiungono ben
57.530 imprese rurali aperte al pubblico tra frantoi, cantine, malghe e cascine, dove è possibile comperare direttamente i prodotti tipici locali.

L’Italia è il paese al mondo che conta il maggior numero di cibi e vini certificati: 172 sono i prodotti a denominazione di origine protetta (Dop/Igp), 469 i vini a
denominazione Doc/Docg/Igt. A questi vanno aggiunti 4.396 prodotti tradizionali regionali, che dall’anno scorso sono stati dichiarati per decreto espressione del patrimonio
culturale italiano. Il leit motiv di CerticiBit 2009 dunque, la connessione tra prodotti certificati e sviluppo turistico dei territori, trova riscontro nei dati: una ricerca di
Istituto Piepoli-Leonardo-Ice mostra che tra i turisti esteri, in particolare, per quasi uno su due (il 45%) prodotti tipici e vini Doc sono i memorabilia preferiti del viaggio in
Italia. Secondo i dati Coldiretti, inoltre, il cibo e la buona cucina sono il simbolo per eccellenza del Made in Italy per quasi due italiani su tre (il 63%).

La 29.ma edizione di Bit – Borsa Internazionale del Turismo si tiene al quartiere fieramilano di Rho da giovedì 19 a domenica 22 febbraio 2009.

Il programma completo degli eventi è disponibile sul sito Bit (www.bit.fieramilanoexpocts.it, seguire il link La Manifestazione – Eventi – Eventi Bit 2009).

 

Related Posts
Leave a reply