Cibus, da oltre 25 anni la più importante fiera alimentare italiana ed europea, lascia quest’anno la sua storica sede di Parma, grazie all’intesa tra la Fiere di Roma e di Parma, e la
Federalimentare per approdare nella capitale, dal 14 al 17 aprile.
Cibus Roma 2007, una nuova rassegna “targata” Cibus, si alternerà con la sorella parmense a cadenza biennale e la novità di quest’anno sarà l’apertura, ma solo il 14 e 15
aprile, a tutti i visitatori che vorranno assaporare i prodotti tipici del “mangiare bene italiano”.
Quattro giorni fitti di incontri ed occasioni di business per un evento fieristico nuovo, concepito e realizzato pensando alla specificità del mercato centro-meridionale ed alle
caratteristiche dei consumi di una grande città come la Capitale. La scelta di realizzare l’evento a Roma nasce anche dalla considerazione che, oltre alla sua storica e rinomata
tradizione gastronomica, è da sempre un importante centro di consumo di prodotti alimentari: 1.000 ristoranti e 500.000 quintali di pasta consumati annualmente.
Un dato significativo per un mercato interno unico per capacità di crescita, e che può rappresentare la sede più idonea per la promozione di prodotti di aziende,
soprattutto del Centro-Sud Italia, pronte ad inserirsi nel mercato sia nazionale che internazionale.

La curiosità – Arriva “Whitetouch”
A Cibus si parlerà anche di innovazione tecnologica, decisamente avveniristica, grazie alla Distilleria Varnelli di Muccia: si
tratta di un nuovissimo display “Whitetouch”, realizzato su brevetto italiano, che consente, appena si tocca una bottiglia, di ottenere immediatamente, attraverso un video, informazioni sul
contenuto. Il primo esemplare di display è stato acquistato, appunto, dalla Varnelli per essere presentato in prima assoluta al Cibus di Roma. In pratica, le bottiglie – contenenti
liquori o vino – vengono disposte su un piano d’appoggio collegato a un computer. Toccando le bottiglie è come se si cliccasse sul tasto di un pc, e sullo schermo compaiono tutte le
notizie utili relative a quel prodotto: ingredienti, storia e persino eventuali ricette.

www.winenews.it