Bologna – L’ambiente e il rispettoso uso della risorse naturali è uno degli argomenti più trattati e analizzati in quest’ultimo periodo. Facendo leva sulla
sensibilità e sulla creatività dei bambini di 17 classi delle scuole elementari di ben 8 Comuni della provincia di Rimini e 2 della Repubblica di San Marino, l’assessorato al
Turismo e Commercio della Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con il Comune di Riccione, darà vita al «Green Link Day – Favole in bicicletta».

L’appuntamento è fissato per giovedì 3 aprile, dalle ore 9 a Riccione, parco della Resistenza (in caso di maltempo al Parco Oltremare).

Durante l’inverno appena trascorso, coordinati dai membri dell’associazione Arcipelago Ragazzi, gli insegnanti delle scuole elementari di Cattolica, Gemmano, Misano Adriatico, Montefiore Conca,
Morciano di Romagna, Riccione, San Clemente, San Giovanni in Marignano e della Repubblica di San Marino (Castello di Faetano) hanno condotto un originale lavoro didattico-creativo-ambientale il
cui risultato è la costruzione di 13 biciclette fantastiche e altrettanti originali racconti.

Le biciclette saranno così i mezzi di trasporto prediletti per compiere i percorsi sviluppati dal progetto, e al tempo stesso i mezzi che i bambini hanno scelto per far correre la loro
fantasia e le loro storie. Nella mattinata riccionese i 350 alunni delle elementari diventeranno così attori e spettatori di questo importante momento ludico-ambientalista, raccontando
pubblicamente le loro storie e ascoltando quelle degli altri bambini. Alle ore 11 prenderà poi vita il divertente e coinvolgente spettacolo teatrale «Circus Colombazzi» della
Compagnia Fratelli di Taglia. Il Green Link Day proseguirà poi al Parco Oltremare dove i bambini si trasferiranno per il pranzo e dove, nel pomeriggio, potranno assistere allo spettacolo
dei delfini.

L’evento di Riccione rappresenta l’atto finale del Progetto europeo Green Link – Spazi verdi periferici (Interreg IIIB Medocc) che oltre alla Regione Emilia-Romagna vede la partecipazione del
Comune di Firenze (capofila del progetto), delle Regioni Toscana e Sardegna, coinvolgendo anche Grecia, Portogallo e Spagna. I rappresentanti dei partner del progetto comunitario saranno
presenti alla manifestazione mentre il giorno successivo all’evento, venerdì 4 sempre a Riccione, terranno una riunione per fare il punto sullo sviluppo dei lavori e avranno anche la
possibilità di visitare alcune bellezze del territorio (in particolare la fortezza di Montefiore Conca e le Grotte di Onferno).

Green Link – Spazi verdi periferici

Il progetto ha l’obiettivo di individuare strategie di sviluppo per una pianificazione rispettosa degli spazi verdi periferici e creare forti sinergie tra i territori urbani della costa
emiliano romagnola e le più interessanti aree naturali delle colline circostanti. La Regione Emilia-Romagna ha pertanto sviluppato alcune linee d’intervento: valorizzare un’offerta
turistica diversificata e mirata a promuovere le qualità ambientali, locali ed evocative del territorio; aumentare le connessioni fra le diverse offerte turistiche già presenti;
potenziare le principali aste fluviali; educare a un corretto uso delle risorse naturali; diffondere la sensibilità ambientale fra cittadini e turisti. Il progetto Green Link ha fornito
l’opportunità di mettere in rete, coordinare e omogeneizzare gli interventi da realizzare sul territorio intercomunale, promuovere la conoscenza delle risorse e dei fabbisogni dell’area
di progetto, proporre un sistema di itinerari usufruibile da un’utenza il più possibile diversificata. Il progetto si è sviluppato sul territorio della Provincia di Rimini, dal
centro di Riccione fino ai confini dell’Emilia-Romagna con la Repubblica di S. Marino e con le Marche, con lo studio di un percorso ciclabile naturalistico con valenza turistico-didattica di
collegamento tra la zona marittima e i territori dell’entroterra.

Il progetto definisce due circuiti collegati tra loro. Il primo, di facile accessibilità, si sviluppa per circa 14 Km. nel territorio del Comune di Riccione, in zone d’interesse
ambientale e fluviale. Il secondo, con un itinerario di circa 50 Km., collega 13 Comuni dell’entroterra e tocca alcune aree straordinarie: la Zolfatara nei Comuni di Gemmano e di Montefiore
Conca, quale meta culturale e area di collegamento tra il paesaggio fluviale e quello del sistema collinare; la foce del fiume Conca nel Comune di Misano Adriatico, zona di convivenza tra
elementi naturali e ambientali in zone a elevata urbanizzazione; l’ex fornace lungo il rio Melo nel Comune di Riccione, testimonianza di archeologia industriale e della sua riconversione in
spazio ludico; l’anello ciclabile lungo il rio Melo e il rio Marano, collegamento tra le aree sportive e ricreative esistenti nel Comune di Riccione.