D: Cosa può fare un lavoratore se il contratto a progetto di fatto si svolge nella forma di un rapporto di lavoro subordinato?

R: Se le concrete modalità di svolgimento di un rapporto a progetto sono riconducibili al lavoro subordinato, il lavoratore ha diritto nel corso o al termine del rapporto di lavoro di
richiedere l’accertamento giudiziale dell’effettiva natura del rapporto in questione.
Il Giudice del Lavoro così potrà esaminare quali siano state, in concreto, le modalità di svolgimento del rapporto lavorativo e riscontrare se esistono elementi che possano
far considerare subordinata la natura del rapporto stresso come l’inserimento del lavoratore nella struttura aziendale, l’assoggettamento del lavoratore al potere direttivo e disciplinare del
datore di lavoro, l’obbligo di dover rispettare un orario di lavoro, l’obbligo di dover concordare permessi, ferie, ecc.
Qualora pertanto il Giudice accerti che il rapporto, sebbene qualificato come autonomo, ha in realtà natura subordinata, lo dichiarerà tale potrà riconoscere al lavoratore
tutti i diritti conseguenti sia di natura retributiva sia di natura contributiva.