Dopo la presentazione tenuta al Salone Italiano del Golf di Arezzo, il calendario del trofeo dedicato all’Oro Nero di Modena ha preso il via sabato 17 marzo, come da tradizione in questi 5
anni, è stato il Franciacorta Golf Club di Brescia, ad aprire la stagione di quello che ormai è diventato il trofeo dell’Aceto Balsamico di Modena dei golfisti.

Infatti 128 golfisti hanno partecipato alla giornata di Golf & Food organizzata da Loris Stradi, e che dalla scorsa stagione stavano attendendo.
La giornata di degustazioni ha avuto inizio prima dell’orario stabilito per il tee shot iniziale.
I giocatori hanno avuto modo di principiare con un assaggio degli Amaretti di Modena, caricandoli dell’energia necessaria per partire ed affrontare le 18 buche dello splendido campo
bresciano.
In attesa che rientrassero i primi giocatori, moltissimi sono stati gli interessati a ricevere le informazioni e spiegazione sulla produzione e l’utilizzo dell’Aceto Balsamico di Modena.
E’ questo lo spirito che avvolge l’Acetum Balsamic Golf Trophy – Trofeo dedicato all’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena.
In questi anni ha portato il paniere delle produzioni tipiche modenesi capitanate dal Balsamico in giro per l’Italia golfistica, unendo 2 passioni che accomunano i golfisti di tutto il mondo.
Ma soprattutto ha permesso a tutti i partecipanti, giocatori e non, di conoscere le differenze, i prodotti il territorio, la simpatia modenese. Un’ottima forma di promozione itinerante del
territorio e dei suoi prodotti. Istituzioni e Camere di Commercio, Associazioni sempre alla ricerca di nuove forme di visibilità, possono così iniziare a pensare seriamente alle
opportunità offerte da questa iniziativa. Iniziativa che deve ringraziare aziende come ACETUM che sin dall’inizio ha supportato con il suo Balsamico tutte le
edizioni del trofeo capendone le potenzialità e le possibilità. Potenzialità che aziende come Programma Energia, Azienda agricola Pezzuoli, Hombre,
Girone dei Golosi e Gigliotti Group hanno valutato positivamente anche per i loro prodotti e servizi.

Ma ecco che arrivano i primi team, dove ad attenderli alla tenda ospitalità il team della Golf & Food, aveva preparato un antipasto di Aceto Balsamico di Modena 4 foglie su letto di
Parmigiano Reggiano Biologico con 24 mesi di stagionatura, Ciccioli Greppole, Salamella di prosciutto, Salame Campagnolo e un fresco bicchiere di Lambrusco di Sorbara. Nel frattempo venivano
preparate le Tigelle farcite con la”Cunza” il battuto di lardo appositamente preparato per questo trofeo, i Ciccioli Campagnoli e la pancetta, il tutto innaffiato da un bicchiere di Lambrusco
Grasparossa. Pulito il palato dall’assaggio dei salati, l’arrivo dei dolci. Una tigella farcita con la Composta di Fragola all’Aceto Balsamico e spolverata di Parmigiano Reggiano, ne faceva
apprezzare l’abbinamento consigliato con i formaggi. Torta Sbarozzina e Croccante di Mandorle concludevano la degustazione. Gli avventori però non venivano fatti andar via senza aver
assaggiato un bicchierino di Nocino di Modena, che come vuole la tradizione chiude la tipica tavolata modenese.
Le premiazioni vedeva aggiudicare anche la GOLF & FOOD CUP, vinta da Scotuzzi Jack.
Le bottigliette disegnate da Giugiaro di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Extravecchio di 25 anni se le aggiudicavano, Mattia Maffiuletti, Alessio Maggini, Diego Corsini, Angelo Lazzari.
Quelle di 12 anni di invecchiamento Giovanni Gallina, Luca Vicinelli, Michele Vinci, Cinzia Bianchi.