Riportare l’agricoltura alla sua origine, alla produzione di cibo di qualità, nel rispetto dell’ambiente, salvaguardando l’intero sistema produttivo, il lavoro e le relazioni sociali. E’
l’obiettivo che si pone Altragricoltura, il comitato promotore per la legge di iniziativa popolare per la sovranità alimentare, presentato in anteprima nazionale alla Provincia di
Cagliari, ospite dell’assessore dell’ambiente, Rosaria Congiu.
Secondo i promotori dell’iniziativa, che verrà illustrata nel dettaglio a Roma nella sala delle Bandiere del Parlamento Europeo il 27 marzo, ”in 40 anni sono stati circa 7 milioni gli
ettari di superficie abbandonati all’attività agricola, oltre un terzo delle superficie attuale. In montagna sono stati abbandonati 1,3 milioni di ettari, il 42% della superficie
attualmente coltivata in queste zone”. Un trend che ha avuto un’accelerazione negli ultimi 10 anni nel corso dei quali, secondo i dati forniti da Altragricoltura, sono state oltre 160 mila le
aziende agricole che hanno abbandonato l’attività, “sempre più spesso per effetto dei prezzi alla produzione che scendono costantemente sotto i costi produttivi, mentre quelli al
consumo aumentano”.
Per questi motivi si vorrebbe incidere, con la legge di iniziativa popolare, sulle scelte politiche e sociali che incidono sull’agricoltura (ciclo produttivo e consumo degli alimenti). La legge
proporrà alle istituzioni un punto di vista non coincidente con la logica della competizione sul mercato, definendo, in maniera generale, un sistema alternativo e sostenibile.

www.sardegnaogginews.it