Milano, 29 Giugno 2007 – Oltre 7 milioni di euro per manutenzione, opere idrauliche e sistemazione di tratti di corsi d’acqua, che coinvolgono i quattro uffici lombardi (Milano, Mantova,
Pavia e Cremona) dell’Aipo, l’Agenzia interregionale per il Po. E’ la prima tranche di interventi per il 2007 che l’assessore al Territorio e Urbanistica, Davide Boni, in veste di presidente
dell’Aipo, ha presentato nella sede di Cremona dell’Agenzia.
Si tratta, per la Lombardia, di 59 interventi – di cui 2 di manutenzioni in alveo – finalizzati al mantenimento in efficienza delle opere idrauliche poste a tutela della sicurezza dei
territori, per un totale di 7.219.000 euro.

“Questi interventi di ordinaria manutenzione – ha detto Boni – sono la testimonianza di un ente, l’Agenzia interregionale, vicino al territorio e attento alle esigenze degli enti locali e delle
popolazioni che vivono lungo i fiumi. Come Aipo stiamo lavorando anche a un obiettivo molto più ambizioso: ridurre la frammentazione degli enti che si occupano del Po e dei suoi
affluenti e concentrare le competenze di gestione, difesa idraulica e navigazione nel bacino del Po in un’unica entità. E l’Agenzia ha le professionalità adeguate per essere
protagonista di questo progetto”.

“L’Aipo – ha aggiunto Boni – è oggi impegnata su molti, importanti fronti, dagli interventi strutturali per mettere in sicurezza aree ancora a rischio, al rilancio della navigazione
fluviale, fino alle proposte per un’unificazione istituzionale delle competenze sul bacino del Po”.
“Tutto questo – ha detto ancora l’assessore – non deve far dimenticare l’importanza dei molteplici interventi di manutenzione lungo i nostri fiumi, strumenti fondamentali per prevenire i
pericoli in caso di piena e ripristinare le opere danneggiate. Per questo gli uffici Aipo, in piena collaborazione con gli enti locali, attuano anno per anno una serie di interventi di
manutenzione stabiliti nel Programma approvato dal Comitato di indirizzo”.

La spesa dell’Aipo per le manutenzioni sui fiumi lombardi ammonterà a 10,7 milioni per l’anno 2008 e a 9,5 milioni per l’anno 2009.
“Entro luglio – ha ricordato Boni – impegneremo altri 7 milioni e mezzo di euro per nuovi interventi, parte di un piano di interventi straordinari per un totale di 80 milioni di euro sull’asta
del fiume e sui suoi affluenti”.

Il programma di manutenzione ordinaria e straordinaria dell’Aipo del 2007 prevede innanzitutto una serie di interventi a carattere periodico come le manutenzioni degli argini (sfalci,
decespugliamenti, ecc).
Gli altri interventi, a carattere straordinario, riguardano l’adeguamento di alcune opere idrauliche o la sistemazione di tratti dei corsi d’acqua che si presentano in condizioni critiche.

Non deve spaventare infine, secondo il presidente dell’Aipo, nemmeno la prospettiva di un canale navigabile tra Milano e Cremona: “Ogni scelta – ha detto ancora Boni a questo proposito – deve
essere fatta coinvolgendo le popolazioni locali e con una progettazione attenta all’ambiente, ma chiarendo nello stesso tempo che una via navigabile efficiente consente di togliere centinaia di
Tir dalle nostre strade ed autostrade”.
I tecnici Aipo hanno infine comunicato che l’Agenzia finanzierà l’adeguamento del canale navigabile Acquanegra-Cremona per consentire lo svolgimento dei Campionati mondiali di pesca, in
programma a Cremona nel 2008.

www.regione.lombardia.it