Milano – L’obiettivo è avvicinare i ragazzi in età scolare alla lirica. Un grande patrimonio della cultura, italiana e europea, dal quale i giovani rischiano di
restare esclusi se non interviene un «percorso» didattico adeguato, fruibile e condivisibile da insegnanti e alunni. Con «Opera domani», l’iniziativa che Regione
Lombardia propone da 12 anni, è possibile avvicinare i più giovani al linguaggio dell’opera lirica, attraverso testi ridotti e canti scelti, elementi preziosi per una proposta di
didattica musicale.

Il progetto è stata presentato oggi in Regione, alla presenza dell’assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Lombardia, Massimo Zanello, ed è promosso dalla stessa
Regione Lombardia, insieme a As.Li.Co (Associazione Lirica e Concertistica Italiana).
Il debutto è al Teatro Sociale di Como, domani, martedì 4 marzo, alle 11.00, con un vero e proprio capolavoro della musica mozartiana, «Così fan tutte», in un
allestimento concepito espressamente per un pubblico di bambini e ragazzi.
«Il segreto del successo di quest’opera – ha sottolineato Zanello, oggi nel corso della presentazione – è nella magia della musica, nella storia arguta e intrigante di una
scommessa pericolosa, raccontata con maestria nei versi di Lorenzo Da Ponte, che mette alla prova la saldezza dei sentimenti per rivelare, infine, tutta la fragilità dell’essere
umano».

Il progetto didattico dell’opera è stato realizzato anche grazie alla collaborazione del professor Fulvio Scaparro, che ha fornito interessanti approfondimenti sulla teoria dei
sentimenti, uno dei temi affrontati durante i percorsi didattici, accanto al tradizionale lavoro sull’opera lirica e sui temi più facilmente individuabili nel «Così fan
tutte», come la farsa e il travestimento.
L’opera proseguirà poi per una lunga tournèe, che si concluderà a Lecco, passando per Pavia, Brescia, Reggio Emilia, Trieste, Mantova, Cremona, Trento, Bormio, Milano,
Bergamo e Vigevano, solo per citare alcune tappe. Informazioni complete, con momenti di gioco interattivo, possibilità di scaricare i canti e altre attività legate al mondo
dell’opera sono disponibili (anche per gli insegnanti) sul sito www.operadomani.org .
Pensando sempre al pubblico dei più giovani, per la prima volta quest’anno, As.Li.Co, insieme all’Opéra Royal de Wallonie
(Belgio) e al Teatro Real di Madrid (Spagna) propongono «OperaJ», il primo concorso europeo per la composizione di un’opera contemporanea per bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni.

Opera che dovrà essere scritta appositamente per queste fasce d’età, con un linguaggio contemporaneo, composta da giovani musicisti emergenti e interpretata da giovani
professionisti, con il coinvolgimento dei ragazzi del pubblico nella parte del coro.
«Con i partner di questo significativo progetto – ha concluso Zanello – l’assessorato alle Culture, Identità e Autonomie della Lombardia ribadisce, ancora una volta, il suo
sostegno a favore della fruibilità della cultura operistica. Non a caso, il concorso promosso da OperaJ permette ai giovani musicisti di esprimere la loro creatività e ai
più giovani di seguire un percorso didattico che li trasformerà progressivamente in spettatori critici e partecipi all’evento».