Alimentari: cuffia, grembiule, pinzette e guanti

Roma – E’ obbligatorio l’uso della cuffia, del grembiule, delle pinze e dei guanti negli esercizi di vendita di sostanze alimentari? Una bella domanda perché come al
solito nel nostro bel paese la normativa varia in relazione alla latitudine e alla longitudine: quello che e’ obbligatorio in una città non e’ detto che lo sia in un’altra.

Una norma nazionale (1) regola l’attività’ del personale addetto alla manipolazione delle sostanze alimentari, prescrivendo l’uso obbligatorio della cuffia e del grembiule che deve
essere bianco. Per il resto ogni Comune fa legge a sé, nel senso che l’uso di pinze e guanti dipende dal Regolamento di igiene comunale, cosicché in una città prenderanno
le fette di prosciutto con le pinze e indosseranno i guanti per agguantare formaggi e pane, mentre nel comune limitrofo si farà in tutt’altro modo.

Altra questione riguarda la cassiera, il cui obbligo di assunzione ovviamente non e’ previsto da nessuna legge. Può allora il macellaio tagliare la carne e prendere i soldi che
notoriamente passano di mano in mano e non sono il massimo dell’igiene? La citata norma nazionale obbliga alla correttezza igienica. Quindi ognuno si arrangia come può, all’italiana
appunto, sperando che il vigile di turno non sia eccessivamente scrupoloso.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

(1) Decreto Legislativo 6 novembre 2007, n. 193

Related Posts
Comments ( 4 )
  1. Alex
    28 Settembre 2016 at 8:24 pm

    Salve, ma a Roma i guanti nei supermercati, in particolare nei reparti di salumeria, sono obbligatori? Una dipendente coop che affettava salumi afferrandoli anche con le mani mi ha detto che non sono obbligati! Che schifo. Roba da terzo mondo. Magari quella prima si è toccata il naso o la bocca….o peggio, senza lavarsi le mani. Che schifo!

  2. Maurizio
    19 Febbraio 2017 at 9:09 pm

    La vendita di pane, salumi od altri alimenti di pronto consumo effettuata senza i guanti da parte dell’operatore è indice di inciviltà e di assoluta mancanza di igiene e rispetto verso il cliente,
    Quando il Comune o le Regioni, se non lo Stato emaneranno l’obbligatorietà di tale norma igienica? La cui mancanza è inammissibile in un paese che pretende di essere civile.
    Maurizio
    Roma 19 febbraio 2017

  3. Matteo
    18 Marzo 2018 at 11:51 am

    Al di là del fatto che la commessa potrebbe grattarsi il naso anche con il guanto, vi assicuro che è più semplice lavarsi la mano e soprattutto accorgersi se sono sporche piuttosto che indossare un guanto che probabilmente non verrebbe cambiato per tutto il turno di lavoro, senza accorgersi di quanto possa essere più sporco delle mani ben lavate. Bisognerebbe cambiare il guanto ogni pochi minuti.

  4. Vincenzo
    5 Novembre 2018 at 8:34 pm

    concordo con Matteo l’uso dei guanti non è necessario quando l’operatore si lava costantemente le mani, il guanto va tolto ad ogni azione che avviene condivido l’uso del guanto solo per il pane ma anche in questo caso va cambiato ad ogni operaione

Leave a reply