Rassegna stampa articoli e video CIBUS 2018 (Clicca qui)

 

Marciare uniti per vincere sicuri. Ed è una di quelle guerre che vorremmo combattere tutti, perché i protagonisti di questa “grande guerra” che ha l’obiettivo di fare vincere la salute, sono i produttori degli alimenti base della dieta mediterranea.

Così ANICAV, l’Associazione Nazionale Conserve Alimentari Vegetali nel proprio spazio espositivo allestito nel padiglione 4.1 (stand C053), quello che sarà inaugurato contestualmente all’apertura del Salone internazionale dell’alimentazione, organizza una serie di eventi dedicati al pomodoro in tutte le sue forme. Ma, coinvolgendo anche i rappresentanti degli altri compagni della dieta, come pane e olio extra vergine di oliva. In pratica, i “magnifici tre”.

Oltre a quelli che possiamo definire rappresentanti istituzionali, ANICAV e ASSITOL (Associazione italiana dell’industria olearia), per la prima volta insieme per raccontare il connubio perfetto tra i prodotti cardine della dieta mediterranea, in un evento-degustazione che esalta benefici e versatilità dei tre prodotti simbolo dell’agroalimentare italiano, a Parma portano calibri di peso per trasformare le parole in sostanza. Infatti, al centro della Dieta mediterranea e della cucina italiana, l’incontro tra pane olio e pomodoro, declinato in tutte le tradizioni locali d’Italia, dà vita ad una combinazione straordinaria per gusto, versatilità e salute.

Tre prodotti che incontrandosi esaltano l’uno le qualità dell’altro. A raccontare i benefici di questa merenda “tricolore”, vero e proprio piatto unico per chi vuole coniugare sapore e salute, sperimentando insieme pani, oli e pomodori di diverse varietà, saranno Giovanni De Angelis e Antonio Ferraioli, rispettivamente direttore generale e presidente di ANICAV, Andrea Carrassi, direttore generale di ASSITOL, Anna Cane, presidente del Gruppo Olio d’oliva di ASSITOL, Palmino Poli, presidente di AIBI (associazione italiana bakery ingredients), Carlotta Pasetto, dell’Onaoo (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Olio di Oliva) e Roberto Capello, presidente della Federazione italiana panificatori.

Ma, a trasformare le loro parole in fatti tutti da gustare, martedì ci penserà il grande Gennaro Esposito, il bistellato Michelin del ristorante la “Torre del Saracino” di Vico Equense, che quando apre bocca premette che “nel mio mestiere dimenticare le proprie origini è un “peccato mortale”, un gesto di superbia che preclude anche la possibilità di scoperte future. Ricordiamocelo, ricordatevene.”.

Come può scordarsene l’associazione dei produttori del pomodoro campano? Così, martedì 8, alle ore 12:30, “Il pomodoro: dalla tavola alla terra” sarà accompagnato dall’Edutainment e showcooking di Gennaro. Che proporrà un tasting con diversi tipi di derivati del pomodoro, evidenziando come per una buona cucina sia assolutamente necessario un buon pomodoro. Parteciperanno all’evento una tecnologa alimentare che illustrerà i processi di trasformazione che permettono al pomodoro di avere le caratteristiche richieste dagli chef per le loro preparazioni ed un agronomo che racconterà come per un buon pomodoro conservato è necessario un buon pomodoro fresco da destinare all’industria.

Al termine della degustazione lo chef Esposito preparerà la pasta al pomodoro: un piatto semplice, ma immenso e indimenticabile per la bravura di chi lo fa e per la qualità del pomodoro utilizzato.

Mercoledì 9 maggio, invece, a deliziare i visitatori di Cibus ci penserà il maestro pizzaiolo Antonio Starita con ‘A pizza ca pummarola ‘ngopp.

Due celebrità, insieme: il pomodoro, ingrediente principe di una delle ricette più famose al mondo, la pizza! E, a renderli indimenticabili, ci penserà Starita, patron della storica pizzeria del centro di Napoli, “Le Centenarie” e Presidente dell’Unione Pizzerie Storiche Napoletane –, che nel corso di un pizzashow, si produrrà nella preparazione della pizza napoletana, che da sempre esalta il simbolo della cucina italiana nel mondo: il pomodoro.

La conclusione ad un altro grosso calibro, il celebre maestro pasticciere Sal De Riso, uno dei più conosciuti in Italia, che nell’ambito del progetto “Salerno e le sue eccellenze”, sarà protagonista di uno showcooking dove preparerà e farà degustare il famoso «Dolce d’Amalfi con limone IGP Costa d’Amalfi e confettura di pomodoro S. Marzano dell’Agro Nocerino Sarnese DOP». C’è tutto nel nome del dolce.

Maria Michele Pizzillo
Newsfood.com