Si è tenuta oggi la cerimonia di insediamento di Antonio Manganelli, diventato il nuovo capo della polizia dopo la conclusione del mandato di Gianni De Gennaro.
Nel corso della cerimonia, il Ministro dell’Interno, Giuliano Amato, ha rivolto i suoi auguri a Manganelli, che dovrà affrontare un compito difficile, ma che sarà all’altezza: “Il
Paese – ha spiegato Amato – ha messo il ruolo di capo della polizia nelle mani giuste. Le donne e gli uomini che si troverà a guidare si riconosceranno in lui, come hanno fatto in questi
anni in De Gennaro. Quando ci si trova al vertice di migliaia di uomini è fondamentale avere con loro un rapporto di piena fiducia. De Gennaro c’era riuscito, sono certo che ci
riuscirà anche Manganelli”.
Amato ha aggiunto che spera che con il prossimo cambio della guardia la carica di capo della polizia tocchi ad una donna: “Il caso ha voluto – ha raccontato il Ministro – che io oggi sia
protagonista della successione a capo della polizia tra Antonio Manganelli e Gianni De Gennaro dopo che sette anni fa, da presidente del Consiglio, contribuii alla nomina di De Gennaro. Fu
un’ottima scelta allora ed è un’ottima scelta oggi. La prossima volta, evidentemente, non sarò io a decidere. Ma – ha aggiunto – mi piacerebbe che in quell’occasione possa toccare
a una donna. E’ una prospettiva possibile, perché già oggi sono tante le donne che si distinguono per grandi meriti all’interno della Polizia”.