Non è il caldo a far morire gli alveari, né tantomeno l’emissione elettromagnetica dei telefoni cellulari: una precisazione che la FAI – Federazione Apicoltori
Italiani – ritiene doverosa a seguito degli articoli che stanno circolando sulla stampa nazionale, destando allarme e confusione nell’opinione pubblica.

Le malattie tradizionali e quelle esotiche, l’abbassamento delle difese immunitarie delle colonie e l’uso di alcuni fitofarmaci che non tengono nel debito conto le esigenze
dell’apicoltura – rappresentano pertanto le ragioni principali dei danni che il settore attualmente registra in Italia. Il nostro patrimonio apistico, per quanto soggetto a spopolamenti o
morìe di alveari, è tuttavia ancora ricco e diffuso su tutto il territorio: l’Italia, ricorda la FAI, è uno dei Paesi con maggiore densità di alveari (4 per
km2). E’ infatti grazie alla destrezza degli Apicoltori, che a costo di grandi sacrifici assicurano il ripristino degli alveari perduti, che si evitano danni alle produzioni agricole per
il mancato servizio di impollinazione.

Circa gli effetti dei cosiddetti “nicotinoidi”, insetticidi che anche secondo le istituzioni della ricerca apistica sono da ritenersi dannosi per le api, la FAI conferma che anche
quest’anno, come già negli anni passati, si sono osservate perdite di alveari in alcune zone vocate alle coltivazioni specializzate ( Pianura Padana, dal Piemonte al Friuli Venezia
Giulia). La sospensione cautelativa di tali principi attivi è dunque certamente auspicabile. Contestualemente, secondo la FAI, è necessario che apicoltori, agricoltori e case
produttrici promuovano, nel loro reciproco interesse piani di stretta collaborazione, per ridurre al minimo ogni effetto indesiderato sulle api e per massimizzare i profitti che gli alveari
determinano nel processo produttivo di ciascuna azienda agricola.

La FAI – Federazione Apicoltori Italiani – si impegna intanto ad avviare una capillare indagine nazionale, presso tutti propri associati, al fine di documentare compiutamente
– alla autorità competenti – la reale entità del danno subito e la sua più probabile origine.

www.confagricoltura.it