Appetito bambino

Un progetto per l’educazione alimentare che si rivolge a sedicimila bambini della scuola dell’infanzia e primaria e alle loro famiglie. Si chiama Appetito bambino ed è
promosso dalla Società della salute, di cui fanno parte tutti i comuni, dalla provincia e dall’Asl 4 con la collaborazione dell’Ufficio scolastico provinciale e
dell’Ordine dei medici di Prato. L’obiettivo è stabilire un contatto duraturo con i ragazzi di questa fascia di età, e anche con i loro genitori, indirizzandoli ad una
sana educazione alimentare. A Vaiano il progetto riguarda i 700 bambini delle scuole pubbliche e private di Vaiano, La Briglia, Sofignano e la Tignamica e proprio ieri (venerdì 20
aprile) si è svolta la presentazione dell’iniziativa con il vicesindaco Primo Bosi e la distribuzione del materiale nelle classi costituito da una tovaglietta in tessuto con
stampati i consigli utili per una corretta alimentazione e un pieghevole illustrativo con indicazioni rivolte alle famiglie.

Insieme a Bosi i simpatici personaggi in costume interpretati dai ragazzi dell’Associazione Kairos tutti di natura vegetale: Broccolo Bill, Joe Tomato, Melamangio, PepeRonnie. Il progetto
è articolato come piano integrato di salute, prevede la partecipazione di vari soggetti che possono influire sulle abitudini di vita dei bambini e dei ragazzi (famiglie, insegnanti, enti
locali, associazioni anche sportive e così via) e propone su basi scientifiche un programma quotidiano alimentare e motorio, promovendo l’attività fisica e la qualità
dell’alimentazione e cercando di contrastare la sedentarietà. Gli obiettivi immediati sono l’aumento del consumo di frutta e verdura e dell’attività fisica, una
salutare riscoperta della colazione e un consumo consapevole di merendine e prodotti simili.

Si tratta insomma del primo passo per la costruzione di un sistema di prevenzione primaria alimentare sul territorio. L’idea del progetto nasce da un’indagine di sorveglianza
alimentare condotta dall’Asl nella provincia che ha evidenziato su un campione significativo di bambini che oltre il 20% sarebbe in sovrappeso e quasi il 13% per cento obeso. Un bambino
che rientra in una delle due classi ha un’elevata probabilità di diventare un adulto a rischio di malattie gravi e Appetito bambino si muove nell’ambito di una strategia
preventiva, basata su alimentazione corretta e attività motoria. «Il progetto di Appetito bambino – ha spiegato il vicesindaco di Vaiano Primo Bosi – si inserisce su
alcune scelte già fatte dal comune di Vaiano in tema di educazione alla corretta alimentazione nelle mense scolastiche iniziate con l’anno scolastico in corso. Abbiamo già
registrato degli ottimi risultati di gradimento dei menù dove predominano l’uso di frutta e verdura e questo è sicuramente un dato positivo che sottolinea la
sensibilità dei bambini su questi temi».

www.pratoblog.it


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/giusep26/public_html/newsfood.com/wp-content/themes/logger/single.php on line 540
Leggi Anche
Scrivi un commento