Arriva il bonus gas, un aiuto per i consumatori

Arriva il bonus gas, un aiuto per i consumatori

Sarà operativo da novembre il bonus gas, una nuova misura sociale introdotta dal Ministero dello Sviluppo economico a sostegno di alcune categorie di reddito, le cui modalità sono
state definite dall’Autorità per l’energia.

Il bonus potrà essere richiesto presentando domanda al proprio Comune di residenza; per le domande presentate entro il 30 aprile 2010 ha valore retroattivo al 1° gennaio 2009.

A chi è riservato

Possono accedere al bonus per la fornitura nell’abitazione di residenza i clienti domestici con indicatore ISEE  non superiore a 7.500 euro, nonché le famiglie numerose (4 o
più figli a carico) con ISEE non superiore a 20.000 euro.

In presenza di questi requisiti, può  richiedere l’agevolazione anche chi utilizza impianti di riscaldamento condominiali a gas naturale.

Per richiedere il bonus è prevista un’apposita modulistica, da consegnarsi a partire da novembre  al proprio Comune di residenza o presso altro istituto eventualmente designato
dallo stesso Comune (ad esempio i centri di assistenza fiscale CAF). La modulistica sarà resa disponibile anche sui siti internet www.autorita.energia.it e www.sviluppoeconomico.gov.it
entro la fine del prossimo mese di settembre.

Caratteristiche della misura

Il valore del bonus gas sarà differenziato:

– per zona climatica, in modo da tener conto delle diverse esigenze di riscaldamento, legate alle diverse condizioni climatiche. Zone climatiche sono quelle definite dall’articolo 2 del D.p.R.
26 agosto 1993, n. 412  che suddivide il territorio nazionale in sei zone climatiche, in funzione dei gradi – giorno di ciascun comune.

–  per tipologia di utilizzo (solo cottura cibi e acqua calda, o solo riscaldamento, oppure cottura cibi più acqua calda e riscaldamento);

– per numero delle persone residenti nella medesima abitazione.

Chi ha sottoscritto direttamente un contratto per la fornitura di gas naturale, avrà una deduzione nelle bollette; per tutti i clienti che, invece, usufruiscono di impianti centralizzati
di riscaldamento e non hanno un contratto diretto di fornitura, il bonus sarà riconosciuto attraverso un bonifico intestato al beneficiario.

Il diritto ha una validità di 12 mesi. Al termine di tale periodo, per ottenere l’eventuale rinnovo, il consumatore dovrà presentare una domanda accompagnata da una certificazione
ISEE aggiornata, che attesti il permanere delle condizioni di disagio economico.

Il bonus è riconosciuto indipendentemente dal venditore con cui è attivo un contratto di fornitura, perciò continua ad essere valido anche in presenza di un cambio di
fornitore, così come di un cambio della residenza del cliente che ha presentato la richiesta.

Per venire incontro alle richieste di informazioni, l’Autorità per l’energia ha attivato un call center al numero verde 800.166.654 (ore 8-18, lunedì-venerdì).

Leggi Anche
Scrivi un commento