Arriva la Primavera: 7 Luppoli Non Filtrata La Fiorita

Arriva la Primavera: 7 Luppoli Non Filtrata La Fiorita

Nella cornice fiorita dello storico Vivaio Riva di Milano il Birrificio Angelo Poretti ha presentato la nuova birra 7 Luppoli Non Filtrata La Fiorita, la specialità stagionale in edizione limitata prodotta in onore della primavera, caratterizzata da una ricetta particolare, dall’intensa aromaticità che richiama i profumi di primavera e in cui predomina la nota fresca e gentile dei fiori di sambuco.

Il 7 è un numero importante per lo storico birrificio della Valganna, 7 infatti le pregiate luppolature che rendono uniche e inconfondibili le specialità stagionali 7 Luppoli Non Filtrata “Invernale” e 7 Luppoli Non Filtrata “L’Estiva”. Così il Birrificio Angelo Poretti ha scelto di giocare con questo numero, che sin dall’antichità è stato rivestito di significati simbolici e misterici e che tuttora è ricorrente in diversi ambiti della quotidianità. Sette, infatti, sono le famiglie olfattive, 7 i chakra – punti di energia del corpo umano – così come sono 7 i vizi capitali, le meraviglie del mondo antico, i giorni della settimana, i colori che compongono l’arcobaleno e, per finire, le note musicali. Per presentare la 7 Luppoli Non Filtrata La Fiorita, pertanto, è stato naturale affidarsi ancora alla magia del numero 7 proponendo la scoperta della sua nuova specialità stagionale attraverso un percorso polisensoriale articolato su 7 corner tematici:

1. Welcome desk

Un tripudio di piante e colori ha introdotto il percorso dedicato alla scoperta della nuova 7 Luppoli Non Filtrata La Fiorita attraverso il coinvolgimento di tutti i sensi.

2 e 3. Accordi di gusto in serra

La serra, cuore pulsante dell’intera presentazione, ha accolto gli ospiti offrendo loro il primo punto d’assaggio della nuova birra proposta alla spina dall’impianto Select 10 (l’ultimo nato nella famiglia DraughtMaster™, l’innovativo metodo di spillatura che utilizza fusti in PET riciclabile senza l’aggiunta di CO2 al posto di quelli in acciaio), accompagnata dalla degustazione dei piatti realizzati dagli chef ALMA, la Scuola Internazionale di Cucina Italiana. Durante l’arco della giornata, gli chef ALMA hanno coinvolto i presenti nella preparazione di finger food a tema birra, sperimentando l’abbinamento con l’aroma del fiore di sambuco e germogli di luppolo. Alle 13.00 e alle 19.00, invece, gli ospiti hanno assistito ai cookingshow che hanno mostrato le ricette realizzate da ALMA in esclusiva per Birrificio Angelo Poretti.

Inoltre, Renato Brancaleoni, affinatore e direttore del concorso ALMA Caseus, ha messo a disposizione dei presenti la sua expertise in ambito caseario proponendo inediti e stuzzicanti accostamenti tra varietà di formaggi italiani e la nuova 7 Luppoli Non Filtrata La Fiorita.

4. Note e aromi di primavera in Limonaia

Nella Limonaia, luogo di degustazione e meditazione per eccellenza, i mastri birrai Flavio Boero e Fabio Mazzocchi hanno raccontato, come in un vero (per)corso di degustazione, come nasce la nuova birra, proposta qui nella versione spillata con DraughtMaster™ Modular 20, ideale per gustarne appieno le note profumate e la freschezza conferitale anche dall’assenza di CO2.

5 e 6. Prove olfattive

Due postazioni “odorose” hanno messo alla prova l’acutezza dell’olfatto dei presenti a cui è stato chiesto di identificare i diversi sentori di fiori e frutta caratteristici del bouquet della 7 Luppoli Non Filtrata La Fiorita.

Un primo corner è stato dedicato al riconoscimento dei 3 luppoli da aroma utilizzati nei diversi momenti della realizzazione del prodotto, usati tutti e tre a freddo durante la fase di maturazione della birra.

Il Luppolo Mount Hood, un aroma piacevole e delicato, dal carattere floreale e leggermente erbaceo. Il suo nome deriva da un vulcano dell’Oregon, Stato in cui è stato selezionato e coltivato. Il Luppolo Fuggle, aroma morbido, piacevole, lieve e piccante, floreale, legnoso o terroso e il Luppolo Goldings, aroma piacevole, leggermente speziato e floreale.

Un secondo corner è stato dedicato al riconoscimento del profumo di fiori tipicamente primaverili come il Gelsomino del Madagascar, una pianta rampicante e decorativa che emana un piacevole profumo che ricorda quello del gelsomino. Il Lillà Bianco, pianta utilizzata principalmente per scopi decorativi, la profumatissima Syringa vulgaris, meglio conosciuta come Lillà, è stata utilizzata sin dall’antichità per realizzare profumi e oli da massaggio per combattere reumatismi e dolori articolari. La Fresia, pianta che fiorisce a fine inverno con grappoli di corolle profumatissime, campanulate, in vari colori (giallo, rosa, arancione, viola e bianco) quasi sempre maculate di giallo. Le fresie, con il loro profumo deciso, rallegrano e preannunciano l’arrivo della primavera. La Gardenia, Gardenia jasminoides, la specie più coltivata e diffusa nei nostri climi, è stata introdotta in Europa intorno al 1761 ed è stata dedicata ad Alexander Garden, naturalista originario del nord America dal quale proviene il nome del genere (Gardenia).

E per concludere il 7. Non ti scordar di me … Il percorso di degustazione si è concluso con il dono di una piccola pianta di luppolo.

L’intero percorso è stato accompagnato da musiche di sottofondo create ad hoc per la giornata dal sound designer Enrico Sangiuliano per enfatizzare i momenti topici di degustazione, amplificando il paesaggio sonoro all’interno della serra attraverso elementi sonori riconducibili alla birra e alla natura, ottenendo un risultato in grado di stimolare l’udito e rendere ancora più coinvolgente la degustazione del prodotto. L’evento è stato studiato per esaltare il nuovo vissuto della birra, ormai non più semplice bevanda di accompagnamento durante i pasti estivi, bensì un prodotto con un’identità “culturale” ben definita e caratteristiche proprie, che si distingue per colori, profumi, ingredienti, gradazione alcolica, stile e occasioni di consumo.

“Non poteva esserci luogo migliore di questo per presentare il nostro omaggio alla primavera” ha affermato Alberto Frausin, Amministratore Delegato di Carlsberg Italia. “Il vivaio è un giardino prezioso nascosto nel centro di Milano, il luogo perfetto per brindare alla primavera e a tutti i suoi profumi. E per farlo non c’è un prodotto migliore della nuova 7 Luppoli Non Filtrata La Fiorita del Birrificio Angelo Poretti, con cui rinnoviamo non solo la fortunata tradizione delle specialità stagionali, ma anche la storica tradizione aziendale della “Birra di Marzo”, voluta a fine Ottocento dal fondatore Angelo Poretti per festeggiare il ritorno della primavera nella Valganna. Voglio anche ringraziare la signora Riva per averci ospitato e aver reso possibile questa giornata. Ci tengo a sottolineare, inoltre, che abbiamo molto apprezzato l’idea di aiutare – con la nostra presenza – Pyari Onlus, l’associazione sostenuta dal Vivaio Riva, che si adopera in India per realizzare un programma sociale in aiuto dei bambini di strada, offrendo loro una casa e favorendo la loro crescita ed educazione.”

La storia del Birrificio Angelo Poretti inizia oltre un secolo fa, nel 1877, anno in cui Angelo Poretti realizza la prima cotta nello stabilimento di Induno Olona. Costruisce il suo birrificio in Valganna, scelta per l’acqua purissima delle sue fonti, elemento indispensabile per una birra di grande qualità. La stessa qualità, cura dei particolari e rispetto per la tradizione che hanno rappresentato, e lo fanno tutt’oggi, il sapore delle birre del Birrificio Angelo Poretti, caratterizzate dall’uso di differenti tipi di luppolo, aggiunti in diverse fasi della produzione. Una luppolatura usata in modo inconfondibile in grado di dare vita a ricette che accompagnano il consumatore in un crescendo di gusto capace di soddisfare le preferenze di ogni palato (“3 Luppoli”, “Originale 4 Luppoli”, “Bock Chiara 5 Luppoli”, “Bock Rossa 6 Luppoli”, “7 Luppoli Non Filtrata” invernale, estiva e primaverile).

Il gruppo Carlsberg è proprietario del Birrificio dal 2002, dopo un’ultra ventennale collaborazione, iniziata nel 1975 con la sigla dell’accordo per la produzione e commercializzazione in Italia dei marchi Tuborg e Carlsberg.

Nel rispetto dei valori di Angelo Poretti e delle “Golden Words” (la filosofia del fondatore J.C. Jacobsen) incise nel 1882 sul Dipylon Gate all’entrata di Carlsberg a Copenaghen, Carlsberg Italia oggi produce e commercializza oltre 1milione di ettolitri di birra a marchi Carlsberg, Carlsberg Elephant, Carlsberg Special Brew, Tuborg, Birrificio Angelo Poretti, Kronenbourg 1664, Grimbergen, Feldschlösschen, Tucher.

Mascia Maluta
Newsfood.com

Related Posts
Leave a reply