Dopo Cappellacci e Soru, candidati per il centrodestra e per il centrosinistra alle elezioni regionali in Sardegna, anche il ministro della Giustizia Alfano, ieri sera a Sassari, ha
dichiarato che il supercarcere dell’Asinara non riaprirà, sebbene un provvedimento in questo senso sia previsto nel decreto Sicurezza recentemente varato.

“Un no unanime prima al nucleare, poi alla riapertura del carcere dell’Asinara. La campagna elettorale sarda continua a mettere d’accordo tutti – commenta
ironico il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza -.C’è quasi da augurarsi che non finisca mai!”.

“Siamo convinti che riaprire l’Asinara non avrebbe alcun senso – aggiunge Cogliati Dezza -. C’è da sperare che almeno queste promesse elettorali vengano
mantenute”.