Asparagi: meno glucosio, più protetti dal diabete

Asparagi: meno glucosio, più protetti dal diabete

Gustosi e di moda: questi sono gli asparagi. E, se non basta nessun problema: gli asparagi aiutano contro il diabete, riducendo i livelli organici di zucchero migliorando la capacità di
gestirlo.

Questo il messaggio finale di una ricerca dell’ONG Diabetes UK (Gran Bretagna), pubblicata dal quotidiano “Daily Mail”.

Gli scienziati si sono focalizzati sull’ortaggio a causa di indagini precedente.

Una di questi, opera dell’Università di Karachi mostrava come un suo consumo regolare fosse in grado di aumentare del 81% la capacità dei muscoli e dei tessuti organici di
assorbire glucosio (lo zucchero nel sangue).

Allora, per maggiore chiarezza, il team di Diabetes UK ha lavorato su topi da laboratorio.

Prima, gli animali sono stati trattati con farmaci che hanno indotto in loro il diabete, poi sono stati divisi in due gruppi. Il primo ha ricevuto estratto di asparagi (dosi diverse), il
secondo glibenclamide, un farmaco anti-diabete.

Durante e dopo i 28 giorni di somministrazione, i roditori hanno subito regolari analisi del sangue. In base ai loro risultati, il secondo gruppo (asparagi) aveva ottenuto i cambiamenti
maggiori.

Allora, a basse dosi d’estratto, riducevano i livelli di zucchero nel sangue ma non aumentavano quelli d’insulina. Se invece la dose aumentava veniva potenziata l’attività del pancreas
e, di conseguenza, il flusso sanguigno vedeva crescere i livelli dell’ormone.

Allora, concludono i ricercatori, una dieta con dosi sufficienti di spinaci aiuta a gestire il glucosio ed a prevenire il diabete.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Related Posts
Leave a reply