«Aumentano rischi per la crescita in Europa e in Italia»

«La crescita dell’inflazione si conferma un preoccupante problema europeo e non solo del nostro Paese, l’unica inflazione realmente italiana è quella di parole, per giunta fuori
luogo, il dato di marzo è serio ma non sorprendente viste le continue tensioni sui prezzi di materie prime, alla produzione e le speculazioni internazionali.

E’ un momento che va gestito con grande responsabilità: le polemiche inutili e faziose, che anche in queste ore non mancano, finiscono per creare aspettative ancora peggiori non solo per
l’inflazione ma per la stessa crescita economica.
Questo dato non certo estemporaneo indurrà la Bce a tenere alti i tassi di interesse, l’euro si manterrà esageratamente forte e ci sono le premesse per una allarmante caduta della
domanda interna nei singoli paesi dell’eurozona.

Serve allora una risposta politica forte, sia per sostenere i redditi medio-bassi sia per rilanciare lo sviluppo interno a cominciare dall’efficienza del nostro sistema-Paese e da misure di
alleggerimento fiscale anche per le pmi».

Related Posts
Leave a reply