Autismo, no a glutine e caseina

Autismo, no a glutine e caseina

Una dieta priva di glutine e caseina può aiutare i bambini colpiti da autismo, portando (tra l’altro) miglioramenti nel comportamento.

E’ l’ipotesi di una ricerca dell’Università del Sunderland (Gran Bretagna), diretta dal dottor Paul Whiteley e pubblicata su “Nutritional Neuroscience”.

Gli studiosi hanno preso in esame 72 bambini, età 4-12 anni, tutti affetti da DSA (o ASDs: autism spectrum disorders), dividendoli in due gruppi. Il primo gruppo ha ricevuto una dieta
senza glutine e caseina, il secondo (gruppo di controllo), una dieta normale.

L’osservazione è durata 12 mesi, durante i quali i soggetti venivano sottoposti a test sul comportamento, livello di sviluppo, disattenzione ed iperattività. A tale scopo è
stata utilizzata una scala di valutazione detta ADOS (Autism Diagnostic Observation Schedule) e la Gilliam Autism Rating Scale (GARS) per quanto riguardava il comportamento; un’altra scala di
valutazione detta Vineland Adaptive Behaviour Scales (VABS) è stata utilizzata per valutare il livello di disattenzione e, infine la scala IV (ADHD-IV) per l’iperattività.

I ricercatori hanno così potuto notare come i volontari del primo gruppo mostressero miglioramenti in tutte le scale di valutazione rispetto ai soggetti del gruppo di controllo.

Perciò, la squadra britannica ha condotto una seconda fase di esperimenti in cui sono stati conivolti anche i piccoli del gruppo di controllo. Dopo 12 mesi di ricerca, anche loro hanno
mostrato miglioramenti.

Allora, Whiteley e colleghi sostengono come la dieta senza glutine e caseina possa stimolare lo sviluppo dei minori autistici. Tuttavia, fanno anche notare come sono necessarie ricerche
d’approfondimento.

Fonte: Whiteley P, Haracopos D, Knivsberg AM, Reichelt KL, Parlar S, Jacobsen J, Seim A, Pedersen L, Schondel M, Shattock P., “The ScanBrit randomised, controlled, single-blind study
of a gluten- and casein-free dietary intervention for children with autism spectrum disorders”
, Nutr. Neurosci. 2010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento