Base USA di Vicenza: sul Dal Molin Barack Obama come Bush

Base USA di Vicenza: sul Dal Molin Barack Obama come Bush

Il nuovo Presidente USA Barack Obama, che al momento della sua elezione aveva annunciato cambiamenti fondamentali nella politica americana, non sembra cambiare rotta rispetto al suo predecessore
George W. Bush, almeno sulla spinosa questione della base USA di Vicenza.

Infatti dall’Amministrazione del Presidente Obama giunge una risposta sconcertante alla lettera inviata dal Codacons, circa la necessità di sospendere i lavori di ampliamento della base
Dal Molin, a tutela dei residenti e dell’ambiente dell’intera provincia di Vicenza.

Scrive infatti il Colonnello Vincent Freeman, Capo dell’Ufficio di Cooperazione per la Difesa presso l’Ambasciata degli Stati Uniti d’America:

«L’Ufficio di Cooperazione per la Difesa presso l’Ambasciata degli Stati Uniti d’America ha ricevuto la sua lettera inviata via fax il 6 luglio 2009 in merito alla costruzione di
infrastrutture a Dal Molin.

A tale riguardo, si desidera precisare che l’Amministrazione Obama è al corrente del progetto Dal Molin.

Le Forze Armate Statunitensi rimangono fermamente vincolate al rispetto degli impegni di sicurezza collettiva e degli obblighi internazionali verso la NATO e verso l’Italia. Il Governo italiano
ha fornito il proprio supporto al progetto Dal Molin, per il quale il Governo statunitense ha stanziato i fondi necessari.

Le Forze Armate statunitensi completeranno il progetto con la costruzione di infrastrutture moderne, eseguite a regola d’arte, nel pieno rispetto dell’ambiente.

Per ulteriori chiarimenti, Voglia contattare l’onorevole Paolo Costa, Commissario Straordinario del Governo italiano per il progetto Dal Molin».

Leggi Anche
Scrivi un commento