E’ stato sospeso lo sciopero dei benzinai previsto per il 10, 11 e 12 ottobre prossimi, a darne l’annuncio sono state Fergica-Cisl e Figisc Anisa-Confcommercio, che hanno motivato la decisione
con “il rifiuto [opposto dalla Commissione Industria del Senato n.d.r] all’intenzione del Governo di aggravare un provvedimento già largamente punitivo per la categoria, costringendo in
questo modo il Governo stesso a ritirare emendamenti che prevedevano persino la soppressione per legge della contrattazione sindacale che tutela i Gestori dalla preponderanza delle compagnie
petrolifere”.

I sindacati hanno spiegato che in questo modo la Commissione Industria, bocciando il disegno governativo, ha “impedito il compiersi di una vera e propria ingiustizia ed il determinarsi di una
ulteriore ferita dei diritti di una intera categoria di lavoratori” e ha “certificato la correttezza dell’allarme lanciato dalla categoria, raccolto con chiarezza ed autorevolezza dal
Parlamento”.

I sindacati hanno, quindi, richiesto l’apertura di “un tavolo di confronto istituzionale che coinvolga il Governo nella sua collegialità e la Conferenza dei Presidenti delle Regioni, al
fine di giungere ad un protocollo d’intesa utile ad affrontare e risolvere nel concreto le questioni poste dai Gestori ed arrivare ad una effettiva apertura del mercato della distribuzione
carburanti”.

Secondo Fergica-Cisl e Figisc Anisa-Confcommercio, infatti, solo queste condizioni “consentirebbero una conclusione positiva della vertenza ed il ritiro definitivo delle agitazioni proclamate”.