Bere e guidare: gli energy drink sono più pericolosi dell’alcol

Bere e guidare: gli energy drink sono più pericolosi dell’alcol

Automobilisti, attenzione. Trovarsi alla guida dopo aver bevuto degli energy drink è più pericoloso che farlo con un livello di alcol superiore al consentito.

Lo sostiene uno studio dell’Automobil Association della Gran Bretagna.

Gli studiosi hanno osservato l’effetto degli energy drink su alcuni volontari in situazione di guida, notando come dopo una prima fase dove la bibita aumentava attenzione e prontezza, si
verificava presto un secondo momento a base di colpi di sonno e calo dell’attenzione.

L’associazione degli automobilisti britannici è stata spinta ad indagare sulle bevande energetiche dal boom di tali prodotti. Dal 2002 al 2008, infatti, le loro vendite sono aumentate
del 74%, con un consumo medio di 6 litri a testa.

Ma il dibattito non riguarda solo i sudditi di Sua Maestà. Lo scorso Febbraio l’EFSA (European Food Standard Autorithy) si è pronunciata sulla “Taurina” e il “d-Glucuronolattone”.

Secondo gli esperti UE, tali sostanze (contenute normalmente nelle bevande energetiche) consumate in modo “normale”, circa una lattina al giorno di bevanda, sono metabolizzate dall’organismo.

Al contrario, un consumo maggiore (specie se cronico) di energy drink è dannoso per la salute. Grandi quantità di Taurina sono infatti fonte di ipertensione e malattie
gastrointestinali, ma tali bibite contengono anche caffeina, che se assunta esageratamente può rovinare il corretto funzionamento del cuore.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento