Bergamo a tavola, emozioni nuove: dopo il successo del Bocuse D’Or, ecco un’altra novità

Bergamo a tavola, emozioni nuove: dopo il successo del Bocuse D’Or, ecco un’altra novità

“24 ore tra i  sapori orobici, in compagnia di Roberto Vitali memoria storica dei saperi e sapori della Bergamasca, il tutto condito dalla micromagia di Aurelio Paviato prestigiatore della
Bottega delle Meraviglie. 
Un nuovo modo di gustare la tavola.
Nasce con l’Ente Fiera PromoBerg  e Ascom Bergamo la novità assoluta per un festival della magia”

Attilio Scotti
sabato 20 marzo 2010, in compagnia del dr. Luigi Trigona direttore Ente Fiere Bergamo
Il luogo? L’ Antico Ristorante del Moro
Coria Francesco Augusto da Martinengo, ad un tiro di schioppo dalla città orobica, è il cuoco-patron dell’Antico Ristorante del Moro di Bergamo, incastonato nell’hotel Best Western:
anni fa si chiamava il “Capel d’Or”, luogo mitico per il miglior carrello dei bolliti d’Italia.
Oggi sulla tolda di comando di questo veliero del gusto il Coria non poteva che portare la sua cucina vagabonda dall’Abacanto di Ranzanico al Lago al suo originale Salvia e Rosmarino di San
Pellegrino, la sua innata fantasia negli abbinamenti, ma sempre estremamente rigoroso nelle esecuzioni di base.
Ne consegue:
a) niente schemi preordinati
b) fantasiosa commistione di buon gusto all’italiana con reminescenze (lievi) del territorio
c) solidissima preparazione di base intinta di una particolare sensibilità.

E qui nelle ovattate ed eleganti sale di questo ristorante d’eccellenza (l’entrata unica attraverso il lungo corridoio dell’hotel credo possa influenzare negativamente il pubblico, piccola
barriera  che intimorisce nel valicare lussuosi androni che sembrano ispirare costi altissimi, ma qui assolutamente smentiti) ho potuto gustare questa cucina.
Sabato 20 marzo 2010, sono in compagnia del dr. Luigi Trigona direttore Ente Fiere Bergamo e promotore, attraverso la Bottega delle Meraviglie, di una nuova strategia fieristica-innovativa-magica
che vedrà per la prima volta in Italia riunirsi a Bergamo tutti i prestigiatori e i big della micro-prestigitazione.
Non poteva quindi mancare a tavola una specie di illusione cromatica e di sapori, ecco quindi rossi pomodori e verdi olive taggiasche accoppiarsi ad una delicata insalata di piovra, eccellenti i
“violenti e neri ravioli di seppia” nel cui interno delicata mozzarella di bufala ed il bianco branzino a vapore in salsa di Champagne giocava a “gibigianna” nel verde delle verdure
dell’orto.
(piccolo commento o malus per un cena perfetta: perché lo Champagne quando a pochi chilometri da Bergamo esiste la Franciacorta Regina assoluta della bollicine made in Italy?).

Gran finale con lo spettacolo di micromagia di Aurelio Paviato, campione mondiale di Close-up (il gioco delle tre campanelle e mitico prestigiatore del Costanzo Show).
E qui mi consenta il lettore di complimentarmi con questo grande campione “Simpatico, estroverso, tecnicamente ineccepibile, capace di volta in volta di spunti di reale efficacia e rilevanti
interventi sulla psicologia del gioco e dello spettatore: il tutto frutto di indubbia esperienza e di ricerca seria e consapevole”

RISTORANTE DEL MORO
DA CHICCO CORIA
Viale papa Giovanni XXIII,12  BERGAMO
www.hotelcappellodoro.it
emal:[email protected]

Ringraziamenti: all’amico e collega Roberto Vitali, memoria storica dell’enogastronomia bergamasca e perfetto anfitrione.
Attilio Scotti
Enogastronomade

 
Alcune note su  Aurelio Paviato
Vincitore di un primo premio al Congresso Mondiale di Losanna, oggi è famoso come il “prestigiatore del Costanzo Show”, grazie alla frequente partecipazione al talk show del Parioli di
Roma.  

Lo abbiamo incontrato a Cooking expo, alla serata di gala di Bocuse D’Or, mentre con i suoi tre “allievi” intratteneva i 757 invitati nel grande salone degli aperitivi, in attesa di del grande
spettacolo.

Dopo il Bocuse D’or ora il Festival della Magia: Complimenti al dr. Luigi Trigona, complimenti a Bergamo!
Non è facile di questi tempi trovare ed accaparrarsi delle chicche così gustose!

Grazie Attilio per questo vero scoop.

Giuseppe Danielli
Newsfood.com

Related Posts
Leave a reply