Durerà per tutta l’estate e fino al 30 settembre il calendario di manifestazioni approntato dalla Provincia in collaborazione con alcuni comuni del Biellese per celebrare i 300
anni dalla morte di Fra Dolcino, bruciato sul rogo come eretico nel 1307.

In arrivo nel prossimo fine settimana tre iniziative organizzate dal Comune di Biella. Sabato 2 giugno, all’ostello del Piazzo (ex carcere) a partire dalle 21, ci sarà un dibattito
sul tema ‘Essere eretici oggi, tra laicismo e fede, trasgressione e innovazione’. Interverranno lo storico Alessandro Barbero, Gustavo Buratti del Centro studi dolciniani, Luigi
Lombardi Vallauri, docente di filosofia del diritto all’università di Firenze e il teologo valdese Paolo Ricca.

Domenica 3 giugno il Piazzo ospiterà anche ‘Animazioni al sapor di medioevo’, una giornata di festa che inizierà alle 10 e a cui parteciperà
l’associazione storica ‘Schola hominum Burgi’ di Ravenna, ricostruendo un mercato popolare medievale. È previsto anche un pranzo a base di prodotti tipici curato da Gli
amici del Piazzo.

La serata invece ripropone, al teatro Sociale di Biella, l’opera ‘Dolcino, viaggio senza scarpe né padrone’: due atti e 11 scene musicate da Daniele Vineis su testi di
Enrico Strobino dell’Oplab (orchestra provinciale laboratorio), che raccontano la vicenda del frate e di Margherita. Andrà in scena alle 21, con ingresso gratuito.

www.provincia.biella.it