Bio Bio Bio … Bologna, dal 6 al 9 settembre apre Sana 2014; Marco Momoli: le novità del 26° Salone Internazionale del Biologico e del Naturale

Bio Bio Bio … Bologna, dal 6 al 9 settembre apre Sana 2014; Marco Momoli: le novità del 26° Salone Internazionale del Biologico e del Naturale

Bio Bio Bio… era questo il richiamo che Newsfood.com ha lanciato nel web per diversi anni per richiamare i “Bio visitatori” a SANA. Nel nostro stand, adibito a salotto di conversazione, in una specie di Talk Show “fatto in casa…  biologico naturale”, abbiamo chiacchierato con tanti espositori, visitatori, buyers, esponenti di varie istituzioni. Crediamo di aver fatto il nostro dovere per promuovere SANA e BolognaFiere nel Web. E’ nella rete che vive Newsfood.com+WebTV, è lì che è nato una decina di anni fa, è lì il suo ambiente ideale. Come tutte le aziende che operano nell’agroalimentare, Newsfood.com guarda ai mercati esteri ma sta con le radici ben piantate in Italia.

L’anno scorso, nel 2013, abbiamo interrotto la “SANA abitudine” di andare al SANA, impegnati in altro evento all’estero ma quest’anno se gli amici di BolognaFiere ci vorranno ancora, torneremo col nostro salotto e continueremo a lanciare il nostro Bio Bio Bio…

Anche quest’anno, abbiamo creato l’area apposita “SANA 2014” per gli espositori che vorranno segnalarci le loro novità e i video e le interviste che andremo a fare nei loro stands e nel nostro salotto …

Bio Bio Bio, vi aspettiamo a Bologna, dal 6 al 9 di settembre.

Giuseppe Danielli
Direttore Newsfood.com

Bologna, 28 maggio 2014

INTERVISTA DI NEWSFOOD.com AL DIRETTORE ESECUTIVO, MARCO MOMOLI.

Chiusa l’edizione del 2013, che ha registrato un incremento record dei visitatori del 20% rispetto al 2012, sabato 6 settembre nel quartiere espositivo di BolognaFiere riaprirà i battenti  SANA, il 26° Salone Internazionale del Biologico e del Naturale che si concluderà  martedì 9 settembre. Organizzato da BolognaFiere in collaborazione con FederBio, con il patrocinio di EXPO 2015 e il supporto di Ifoam, SANA si conferma come la più importante manifestazione fieristica in Italia per l’alimentazione biologica certificata, l’erboristica e la cosmetica naturale e bio, l’appuntamento da non mancare sia per gli operatori professionali del settore, sia per i consumatori che a tavola preferiscono gli alimenti biologici e che per la cura del corpo e il mantenimento della salute ricorrono, rispettivamente, a prodotti cosmetici ottenuti da ingredienti-base naturali e bio e a integratori alimentari di vario tipo.
Per saperne di più abbiamo intervistato il dottor Marco Momoli, da anni executive manager di SANA.

Come è organizzato SANA 2014?
Il Salone è strutturato in tre settori. Nei padiglioni dedicati all’Alimentazione i visitatori troveranno esposte le ultime novità in materia di prodotti biologici certificati, freschi e conservati. Nel settore Benessere saranno in mostra prodotti per la salute e la cura della persona: alimenti destinati ad una dieta particolare (ad esempio cibi privi di glutine, per diabetici, per sportivi), cosmetici a base di ingredienti naturali e bio, erbe officinali, integratori alimentari, cibi funzionali  e trattamenti naturali. Infine, nel settore Altri prodotti naturali dedicato al vivere ecologico quotidiano, si troveranno prodotti per la pulizia della casa naturali, capi di abbigliamento bio, componenti di arredamento e mobili non trattati con sostanze chimiche e prodotti per il tempo libero.

Che rapporti ha il Salone con l’EXPO 2015, dedicata al tema “Feeding the Planet – Energy for life”, che  ha rinnovato il suo patrocinio anche all’edizione 2014 di SANA?
Come è già avvenuto in occasione dell’inaugurazione dell’edizione 2013 di SANA che ha visto lo straordinario intervento di Vandana Shiva, anche quest’anno il Salone ospiterà iniziative culturali e di approfondimento legate al tema “Nutrire il pianeta” in chiave di sostenibilità ambientale e sociale. In particolare, al ruolo del biologico per sfamare il pianeta dedicheremo l’evento di apertura in programma sabato mattina dopo il taglio del nastro. Al momento preferisco non fare anticipazioni più dettagliate, ma posso assicurare che stiamo lavorando per avere relatori di alto profilo nazionale e internazionale. Inoltre il tema al centro dell’EXPO sarà un filo verde che percorrerà tutta l’edizione di SANA 2014, nella prospettiva di BolognaFiere di giocare, con SANA, il ruolo, conquistato sul campo, di piattaforma leader per valorizzare la presenza strategica del biologico nell’ambito di EXPO 2015.

Il valore delle vendite nel settore dei cibi biologici, un comparto in continua espansione nel nostro paese, nel 2012 ha superato  2 miliardi di euro (+7% rispetto al 2011), facendo dell’Italia il quarto mercato per valore dei consumi di alimenti bio all’interno della UE. In che modo secondo Lei è cambiato il comportamento del consumatore italiano di cibi biologici?
La risposta  a questo quesito verrà dall’indagine annuale dell’Osservatorio di SANA sui Consumi Alimentari Bio curato dall’istituto Nomisma su incarico di BolognaFiere. Focus della ricerca 2014 sarà infatti la trasformazione del comportamento del consumatore italiano di prodotti biologici e
l’andamento del mercato bio, che anche per  quest’anno conferma di essere in buona salute e di non risentire della crisi economica in atto.
Più in dettaglio sono quattro gli obiettivi che intende raggiungere l’indagine dell’Osservatorio di SANA 2014: 1) definizione dei criteri di acquisto per i prodotti alimentari in generale (bio e non bio) e della modificazione dei comportamenti di consumo alimentare avvenuti negli ultimi 3-4 anni; 2)misurazione del numero di famiglie italiane in cui si è consumato bio in almeno una occasione negli ultimi 12 mesi (ovvero in termini più tecnici, tasso di penetrazione e frequenza di consumo bio); 3) identificazione del numero di famiglie che consuma prodotti bio nella ristorazione (ovvero nel canale extradomestico); 4) ricostruzione del profilo di comportamenti, bisogni e preferenze del consumatore bio.
I risultati dell’Osservatorio di SANA, che BolognaFiere, come ogni anno, mette a disposizione degli operatori economici del settore, saranno presentati nel corso di un convegno sabato 6 settembre.

Accanto all’Osservatorio, tradizionalmente SANA viene accompagnata da un programma di convegni e incontri di approfondimento. Per la prossima edizione avete in cantiere delle novità in questo ambito?
Una novità dell’edizione 2014 di SANA riguarda i corsi che Akesios Group organizzerà all’interno del Salone in collaborazione con la Scuola di Nutrizione e Integrazione nello Sport e la Società Italiana Nutrizione Sport e Benessere.  I temi trattati andranno dagli integratori  specifici per l’attività sportiva, sia amatoriale sia professionale, alle diete alimentari associate all’attività fisica. Target dei corsi di SANA SPORT sono medici, farmacisti, nutrizionisti, operatori della salute, singoli sportivi anche dilettanti, mentre i relatori comprenderanno medici, medici sportivi, nutrizionisti.

Sono previsti altri appuntamenti rivolti al pubblico specializzato dei medici e degli operatori sanitari?
Certamente. Per il terzo anno consecutivo la Fondazione Istituto di Scienze della Salute, presieduta dal professor Enrico Roda, noto gastroenterologo di fama internazionale, offrirà al pubblico di SANA convegni di alto profilo medico scientifico sulla prevenzione e sul mantenimento della salute. Questi congressi, indirizzati in particolare, ma non esclusivamente, alla comunità scientifica, andranno ad integrare  il mondo della salute con quello della produzione alimentare, con una specifica attenzione alla produzione di alimenti che utilizzano l’impiego di elementi nutraceutici  e che rappresentano gli ingredienti-base della Dieta Mediterranea.

Quali saranno gli argomenti al centro di questi convegni?
In relazione al vasto tema dell’ “Alimentazione e della salute nel terzo millennio”, esperti del settore parleranno di “Strategie di genomica e breeding per lo sviluppo di varietà adatte ai nuovi stili alimentari e scenari colturali”,  “Miglioramento della qualità e valenza nutritiva di colture di base della dieta mediterranea”, “Selezione di nuove varietà di fruttiferi arricchite di fitonutrienti”, “Sottoprodotti della
filiera agroalimentare per la fertilizzazione dei suoli e per il recupero di molecole funzionali: la chiusura del ciclo”.  Verrà approfondito anche il tema dell’ “Impatto sullo stato di nutrizione e salute di particolari alimenti e filiere”. Considerato il ruolo che riveste nelle abitudini alimentari dei popoli mediterranei, un altro protagonista degli incontri sarà “Il vino: i misteri della bevanda di Bacco. Una nuova narrazione dai geni alla buona tavola”.  Ma anche l’acqua sarà al centro di un incontro che si occuperà di questa preziosa e insostituibile risorsa a rischio, dell’importanza dell’idratazione nel bambino e nell’anziano e
nella cura dell’obesità, nonché di acque minerali e termali, di bevande funzionali (energy e sport drink), di tè e caffè.
La moderna nutraceutica sarà protagonista anche del convegno dedicato a “I nutraceutici di successo per le malattie cardiovascolari, digestive e il cancro”, “Le possibilità di migliorare e fortificare la pasta e i prodotti da forno”, “Metodologie analitiche per valutare l’attività nutraceutica di matrici alimentari”.

Da alcuni anni SANA offre un programma di corsi gratuiti per operatori specializzati, denominato SANA Academy. Ripeterete questa proposta anche per l’edizione 2014 del Salone?
Non solo la riproporremo, ma l’arricchiremo con una novità sostanziale. Quest’anno, infatti, SANA ACADEMY prevede due tipologie di lezioni: in diretta streaming sul sito di SANA nei mesi che precedono e seguono la fiera, e frontali all’interno del Salone. Si comincia giovedì 12 giugno con l’avvocato Valeria Fabbri che terrà il corso online intitolato “Nuovi canali di vendita in erboristeria  e parafarmacia” dedicato all’e-commerce. Il pubblico che seguirà la lezione potrà rivolgere domande alla docente in diretta.  Il 26 giugno, secondo seminario web, tenuto da Gian Paolo Valli della Carpigiani Gelato University, su “Le nuove frontiere del gelato: biologico e nutraceutico”. Il 3 luglio il webinar “Innovazione nella nutrizione e integrazione sportiva” sarà condotto dal professor Fulvio Marzatico (Università di Pavia) e dal dott. Nicola Sponsiello, specialista in scienze dell’alimentazione. Le iscrizioni ai corsi in streaming (“webinar”) vanno fatte alla pagina http://www.sana.it/corsi-e-convegni/sana-academy-webinar-2014/2893.html

Quali corsi sono previsti invece nell’ambito di SANA?
Sabato 6 settembre il corso tenuto dall’avvocato Gabriella Ferraris avrà per tema la pubblicità di alimenti, integratori e cosmetici. Domenica 7 settembre con Carlo Vettorazzi si parlerà della ristorazione biologica a 360 gradi che il Bio Hotel Elite di Levico Terme offre ai suoi ospiti. Il giorno seguente, lunedì 8, salirà in cattedra uno chef davvero speciale: Paolo Sari, il primo cuoco bio al mondo che può fregiarsi di una stella Michelin, assegnata quest’anno al suo ristorante Elsa di Montecarlo. Tema della sua lezione: “Il fallimento della globalizzazione alimentare”. Martedì 9 settembre, infine, il naturopata Marco Valussi, un docente già felicemente sperimentato a SANA, interverrà sulle proprietà di alcuni oli essenziali contro le infezioni.

I webinar che seguiranno SANA di cosa si occuperanno?
Il 25 settembre i corsi in streaming riprenderanno con l’avvocato Laura Gazzi che parlerà di contrattualistica in relazione alle erboristerie e proseguiranno il 30 ottobre con Roberto Spigarolo, ricercatore dell’Università di Milano, con il corso sulla promozione degli alimenti bio nelle mense scolastiche e aziendali,  per concludersi il 20 novembre con il professor  Enrico Roda su integratori e nutraceutici.

SANA si è qualificato presso gli operatori economici del settore bio anche per il crescente impegno sul fronte della promozione del biologico italiano sui mercati internazionali. Sono previste attività particolari in questo campo in vista del Salone di settembre?
Sì, certo: anche per l’edizione 2014 un focus privilegiato della manifestazione sarà sull’internazionalizzazione del biologico italiano, in vista, ma non solo, di EXPO 2015. In particolare, prosegue quest’anno il programma dedicato alla promozione, in Corea del Sud, dei prodotti Made in Italy agroalimentari biologici e della cosmesi bio e naturale avviato nel 2013 da Ministero dello Sviluppo Economico, Federbio, Federalimentare, con BolognaFiere nel ruolo di soggetto attuatore. Tra le varie attività in programma è previsto l’invito a SANA di una delegazione dei più importanti buyer sud coreani che all’interno della buyer lounge potranno partecipare agli incontri B2B con gli espositori.

Una domanda di carattere eminentemente pratico che può interessare di sicuro il pubblico dei visitatori: è ammessa la vendita dei prodotti all’interno del Salone?
Nelle ultime quattro edizioni la manifestazione ha fatto la scelta di divenire una fiera professionale a tutti gli effetti, indirizzata a un pubblico di operatori italiani ed esteri specializzati. Per venire però incontro anche alle esigenze di alcuni espositori e del pubblico non professionale l’anno scorso abbiamo sperimentato l’inserimento di un’area, denominata SANA Shop e allestita da BolognaFiere, in cui esclusivamente gli espositori di SANA potevano vendere i loro prodotti. L’esperimento ha raccolto un ampissimo favore da parte degli espositori e dei visitatori, per cui anche quest’anno allestiremo SANA Shop.

Per concludere: come si accede a SANA?
Per gli operatori del settore l’ingresso a SANA è gratuito, previa registrazione online sul sito sana.it. Per il pubblico di  visitatori non professionali  il costo del biglietto è di 5 euro sabato 6 e domenica 7, e di 20 euro lunedì 8 e martedì 9. Per chi non volesse perdere nemmeno un giorno della manifestazione l’abbonamento ai 4 giorni costa 20 euro. Il Salone sarà aperto dalle 9.30 alle 18.30 da sabato a lunedì, e dalle 9.30 alle 17.00 martedì. Per tutti gli aggiornamenti consiglio di consultare il sito www.sana.it.

 

Redazione Newsfood.com

Related Posts
Leave a reply