L’Italia sarà ‘Nazione dell’anno
alla BioFach 2007, la fiera internazionale del biologico in programma da oggi a domenica a Norimberga con l’adesione di 73 Paesi. “E’ un riconoscimento – sottolinea l’Ice – al valore
dell’agricoltura biologica Made in Italy, leader di settore con un fatturato di 1,7 miliardi di euro e 700 milioni di export”.
In Italia l’agricoltura biologica è stata “in continua ascesa – sottolinea l’Ice – sin dagli anni Settanta. Oggi sono attive circa 50 mila aziende distribuite su una superficie lavorata
di poco più di un milione di ettari. Le regioni più rappresentative sono Sicilia e Puglia che insieme annoverano il 30% delle aziende operanti nel settore”.
Al salone mondiale del biologico, promosso da Ifoam (International Federation of Organic Agriculture Movements), sono presenti 300 imprese italiane, raccolte dall’istituto nazionale per il
commercio estero nello spazio espositivo denominato ‘Piazza Italia’ dove convergeranno incontri, workshop e degustazioni. Tra le prime adesioni quella dell’Associazione mediterranea agricoltura
biologica (Amab) in collaborazione con AgrBio e dell’Associazione italiana agricoltura biologica (Aiab), presente con 50 aziende e presenterà prodotti tipici del Lazio, in degustazione
al ‘Bio Aperitivo’.
BioFach sarà quest’anno affiancato dal salone ‘Vivaness’ incentrato sulla BioEcoCosmesi. Nei quattro giorni di manifestazione si stima la presenza di 38mila visitatori provenienti da
oltre 100 Paesi ma è il mercato tedesco, insieme a Gran Bretagna e Svezia, ad interessare maggiormente i produttori bio per il giro d’affari di circa 4 miliardi di euro e la costante
crescita di negozi e catene di supermercati specializzati.
Alla giornata inaugurale sono previsti interventi del ministero federale tedesco per l’Agricoltura Horst Seehofer; del sottosegretario all’Agricoltura Stefano Boco; della commissaria europea
all’Agricoltura Marianne Fischer Boel e del presidente internazionale di Slow Food Carlo Petrini. Domani ci sarà anche la cerimonia di adesione del Comune di Norimberga alle
‘Città del bio.
“I segnali provenienti dal settore biologico sono molto positivi – commenta Petrini – per il costante aumento dei consumi, dell’export e delle superfici convertite al biologico.
D’altro canto, però, sono preoccupanti le indicazioni che arrivano dal parlamento europeo riguardo al nuovo regolamento sull’agricoltura biologica con la controversia sulla
‘inammissibile’ proposta di una soglia di tolleranza per la contaminazione accidentale da ogm nei prodotti bio. E appuntamenti come BioFach sono fondamentali nel processo di costruzione delle
alleanze tra le varie realtà del movimento biologico mondiale”.
In vista della votazione del nuovo regolamento Ue sul biologico alla Commissione agricoltura in programma a fine febbraio, la coalizione ‘Liberi da Ogm’ (di cui fanno parte Aiab, Federbio, Acu,
Adiconsum, Cgil, Legambiente, Wwf e Verdi) presenteranno domani un appello agli europarlamentari affinché dicano no ad una norma che “sarebbe un colpo mortale per tutta l’agricoltura
italiana di qualità”.

Tratto da: www.slowfood.it

BioFach 2007
NORIMBERGA, 15-18 Febbraio 2007
Salone Internazionale del biologico.

Freschezza, internazionalità e forza innovativa sono gli elementi che contraddistinguono il BioFach facendone il salone pilota mondiale del biologico. Ogni anno in febbraio l’evento
attira a Norimberga 1.900 espositori – due terzi dei quali dall’estero – e 30.000 visitatori professionali di quasi 100 paesi del mondo. Patrocinato dall’IFOAM (la confederazione internazionale
dell’agricoltura biologica), il BioFach garantisce grazie ai suoi rigidi criteri di ammissione una qualità costantemente alta dei prodotti esposti.

All’esposizione del 2007 l’Italia è stata scelta come paese dell’anno: si prospetta quindi una maggiore attenzione rivolta agli operatori italiani ed una serie di
iniziative volte a promuovere i prodotti biologici italiani e a diffondere la conoscenza della qualità degli stessi.

La fiera di Norimberga che si terrà dal 15 al 18 febbraio 2007 prevede 2.100 espositori da 73 nazioni (all’ultimo evento) ed oltre 37.000 ospiti da oltre 100 paesi del mondo . L’Italia
è stata il paese con il maggior numero di espositori dopo la Germania nel corso degli anni. All’ultimo evento, 273 produttori e commercianti del biologico italiani hanno presentato le
loro specialità gastronomiche ed il numero degli operatori italiani è destinato a crescere nel 2007.

Sito Internet: www.BioFach.de