Biscotti secchi, frollini & C – Differenze e curiosità

Biscotti secchi, frollini & C – Differenze e curiosità

Milano, 15 maggio 2019

Biscotti secchi, frollini & C.

 

Una lettrice ci chiede su cosa si basi la differenza tra biscotti “secchi” e “frollini”.
La scelta è legata essenzialmente alla ricetta, o meglio, alla sua influenza sulla consistenza dell’impasto.

stampo personalizzabile

Per gli stampati (biscotti secchi) è necessario un impasto sensibilmente elastico, che permetta dapprima una laminazione (riduzione a sfoglia) e poi lo stampaggio vero e proprio (normalmente con stampi alternativi).
I biscotti “da rotativa” , usualmente chiamati frollini (il corrispettivo francese sablé, è legato alla consistenza dell’impasto, appunto simile alla sabbia) sono caratterizzati, rispetto ai precedenti, da un maggior contenuto in materia grassa ed all’impiego di farine più deboli.

Il richiamo alla sabbia è quantomai opportuno, in quanto la formatura avviene mediante un processo del tutto simile a quello delle formine utilizzate dai bambini.

Vi sono, poi, come dice il nome, i biscotti colati (es. savoiardi, amaretti) o estrusi (es. krumiri) che presentano impasti più o meno fluidi. Nel primo caso la formatura avviene colando, appunto, l’impasto pressoché liquido in stampi. L’impasto degli estrusi, più consistente, viene invece spinto attraverso ugelli opportunamente sagomati per dare la forma desiderata al prodotto.

 

Alfredo Clerici
Tecnologo Alimentare
Riproduzione Riservata
©Redazione Newsfood.com
Vedi anche:

 

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento