Il cioccolato fondente inibisce l’enzima Ace, causa della crescita della pressione sanguigna. In questo modo, il cuore è difeso dai problemi, specialmente dalla malattie cardiovascolari.

Questo il meccanismo descritto da una ricerca dell’Università di Linköping, (Svezia), diretta da Ingrid Persson e pubblicata sul “Journal of Cardiovascular Pharmacology”.

Nel passato, gli studiosi svedesi avevano analizzato il tè verde, notando come la bevanda bloccasse l’enzima Ace, coinvolto nel bilancio dei liquidi del corpo e nella regolazione della
pressione sanguigna. Perciò, hanno voluto constatare anche l’effetto del cacao su tale enzima.

I ricercatori hanno così creato un campione di volontari, 10 uomini e 6 donne, età 20-45 anni, tutti sani e non fumatori. Essi hanno consumato 75 grammi di cioccolato fondente con
un contenuto di cacao del 72%. Gli scienziati, da parte loro,gli hanno prelevato campioni di sangue prima della consumazione e poi mezz’ora, un’ora e tre ore dopo.

L’osservazione ha mostrato come tre ore dopo l’assunzione del cioccolato fosse evidente una significativa riduzione dell’attività di Ace e, di conseguenza, della pressione sanguigna.

Conclude così Persson: “I nostri risultati indicano che i cambiamenti nello stile di vita con l’aiuto di alimenti che contengono grandi concentrazioni di catechine e procianidine possono
prevenire le malattie cardiovascolari”.

FONTE: Ingrid A-L. Persson, Karin Persson, Staffan Hägg and Rolf G.G. Andersson, “Effects of cocoa extract and dark chocolate on angiotensin-converting enzyme and nitric oxide in
human endiothelial cells and healthy volunteers by” Journal of Cardiovascular Pharmacology Publish Ahead of Print, Nov. 2010.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.