Breganze, di fatto e di nome, un territorio e un vino  

Breganze, di fatto e di nome, un territorio e un vino   

BREGANZE, DI FATTO E DI NOME, UN TERRITORIO E UN VINO

Colline dolci, luoghi magici, storia, vino antico e moderno. Elvio Forato nuovo presidente del Consorzio Doc 

La terra veneta brilla di luoghi particolari, di paesaggi culturali, di distretti produttivi, di ville , di chiese, di campanili che diventano simboli ed emblemi di borghi, di zone, di territori. Penso a Valdobbiadene, Marostica, Soave, Bassano, Conegliano, Lazise… ma anche Breganze: da qualsiasi parte la si raggiunga viene preannunciata dalle folte macchie dei parchi che circondano le ville padronali poggiate su bellissimi colli, tra i quali si staglia e svetta l’elegante sagoma del campanile.

Più nascoste, ma con una presenza rilevante, una rete di piccoli edifici medioevali, le torri colombare. Il tutto fa di Breganze un ambiente singolare per peculiarità paesaggistiche e architettoniche, oltre che produttive per la rinomanza raggiunta nell’ultimo secolo dai suoi prodotti agricoli e manifatturieri. Breganze è situata tra collina e piano lungo la pedemontana veneta, abitata nell’antichità e già percorsa da una pista del commercio.

Breganze con le sue Colombare rappresenta il centro geografico di una area più ampia, con capisaldi ad ovest la città di Thiene ed a est la bellissima Bassano del Grappa, con il suo millenario centro storico ed il Ponte degli Alpini a cui fa sfondo l’imponente massiccio del Grappa. Meritano citazione anche le splendide ville palladiane Piovene e Godi Malinverni di Lugo di Vicenza(patrimonio mondiale dell’ Unesco) e la città medievale di Marostica, cinta da mure merlate che racchiudono la Piazza degli Scacchi e collegano i due castelli Inferiore e Superiore.

Un territorio Doc, di prodotti Doc, solcato dalla strada del Torcolato, produzione di 15 vini a denominazione d’origine controllata, del formaggio Asiago Dop, olio extravergine di oliva del Grappa Dop, la sopressa Vicentina Dop, l’asparago Bianco di Bassano Dop, la ciliegia di Marostica Igp, i Torresani di Breganze, il Baccalà alla Vicentina, le grappe…. Il consorzio di tutela vini di Breganze Doc raccoglie un grande gruppo di etichette e di vini.

Una Doc piccola ma con alcune peculiarità eccezionali, come dice Elvio Forato (in foto)  neo presidente del Consorzio, (scarica comunicato stampa ufficiale) nonché direttore della cantina Beato Bartolomeo di Breganze. Quindi una scelta orientata verso il tecnico più che al produttore tradizionale, una decisione che già indica un percorso di analisi e di formazione tecnica, di crescita e sviluppo dei contenuti e caratteristiche dei vini, una proposta che parte dalla produzione, dalla tutela, più che dalla promozione e comunicazione.

Una scelta che si può definire controcorrente, più orientata verso le capacità e conoscenze vitivinicole, uomo del vino che ha conosciuto anche altre realtà fuori dal Veneto, esperto anche di normative e di leggi del settore. Forato, classe 1962, enologo di Conegliano, direttore della Beato Bartolomeo che conta 680 soci che coltivano 590 ettari e lavora 70.000 quintali di uve. “Ringrazio il Consiglio del Consorzio per la fiducia che mi ha concesso e il mio predecessore Plinio Bonollo per l’ottimo lavoro svolto in questi anni – dichiara Elvio Forato – Il mio impegno per i prossimi anni è sicuramente quello di proseguire nella rivalutazione della D.O.C. Breganze, del nostro territorio e dei vini che ne nascono.

Tanto è già stato fatto finora, ma dobbiamo ulteriormente rimboccarci le maniche e lavorare insieme perchè questo nostro territorio così vocato ottenga il giusto riconoscimento a livello nazionale e internazionale. Ci tengo a ricordare che la nostra è stata la prima D.O.C. del vicentino, riconosciuta fin dal 1969”.

Giampietro Comolli
Newsfood.com

Giampietro Comolli
Economista Agronomo Enologo Giornalista
Libero Docente Distretti Produttivi-Turistici

Mob +393496575297

Editorialista Newsfood.com
Economia, Food&Beverage, Gusturismo
Curatore Rubrica Discovering in libertà
Curatore Rubrica Assaggi in libertà

Redazione Newsfood.com
Contatti

Related Posts
Leave a reply