Roma – Il ministero dell’Università e della Ricerca parteciperà per l’Italia alla riunione del Consiglio Competitività che si terrà domani, venerdì 28
settembre a Bruxelles. Tra i temi all’ordine del giorno sono previste le Iniziative Tecnologiche Congiunte (JTI), introdotte dal 7° Programma Quadro come nuovo strumento di collaborazione
pubblico-privato per accelerare lo sviluppo di importanti tecnologie e di attività di ricerca di vasta portata a livello comunitario.

Per sostenere in maniera concertata la partecipazione italiana a queste importanti iniziative i Ministri dell’Università e della Ricerca, dello Sviluppo Economico e delle Riforme e delle
Innovazioni nella Pubblica Amministrazione hanno siglato nel luglio scorso una dichiarazione congiunta. L’azione di coordinamento dei tre Ministeri, che hanno una competenza trasversale nel
campo della ricerca e dell’innovazione, sarà condivisa con le altre Amministrazioni in funzione delle specifiche tematiche. In questa ottica sono stati avviati tavoli di concertazione,
aperti ai soggetti pubblici e privati interessati, per definire obiettivi, strategie e modalità di partecipazione alle iniziative, nonché strumenti normativi e risorse
finanziarie, con la predisposizione di specifici Piani nazionali.

Questa intesa è in linea con le politiche dell’Unione europea tese alla realizzazione dello Spazio Europeo della Ricerca e all’attuazione della Strategia di Lisbona rinnovata che vede
l’incentivazione della ricerca scientifica e dell’innovazione tecnologica come una delle priorità. Tale Strategia è stata recepita nel Piano Nazionale di Riforma italiano, il cui
Rapporto annuale sullo stato di attuazione, predisposto dal Comitato tecnico permanente del Comitato Interministeriale per gli Affari Comunitari Europei (CIACE) con il coordinamento del
Ministro per le Politiche Europee, sarà presentato nel prossimo mese di ottobre.