Bruxelles – Destinare più risorse finanziarie all’innovazione tecnologica, investire sulla politica di marca, intensificare l’attività di internazionalizzazione,
valorizzare la specificità cooperativa presso i consumatori. Sono queste le conclusioni del forum sul settore ortofrutticolo organizzato a Bruxelles dalla confederazione generale
delle cooperative agricole (Cogeca) e coordinato dal suo vice presidente, Paolo Bruni e numero uno di Fedagri Confcooperative.

“Mettendo oggi a confronto le visioni strategiche dei manager di 5 cooperative ortofrutticole europee – ha spiegato Bruni, riferendosi alla spagnola Anecoop, la belga Mechelse
Veilingen, la francese Blue Whale, l’olandese The Greenery e Conserve Italia – abbiamo constatato una sostanziale coincidenza tra le strategie di mercato adottate nei principali paesi
produttori europei e le priorità strategiche promosse da Fedagri”.

Bruni ha anche riscontrato piena identità di vedute anche sulle tre principali richieste formulate all’Ue: garanzia di regole certe nei negoziati internazionali per assicurare
parità competitive, rimozione delle barriere non tariffarie e fitosanitarie e rafforzamento delle politiche comunitarie di promozione dei prodotti agroalimentari.

Ansa.it per NEWSFOOD.com