La Cia sottolinea che le temperature record di questi giorni, combinate con l’andamento climatico anomalo dell’inverno e della primavera, portano a maturazione precoce le uve. La raccolta
scatterà i primi giorni di agosto.

Il caldo eccezionale di questi giorni, soprattutto nelle regioni del Centro-Sud, farà anticipare almeno di un mese i tempi della vendemmia che dovrebbe così cominciare fin dai
primi giorni di agosto. E’ quanto sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori la quale evidenzia per quest’anno una produzione vinicola abbondante e di buona qualità.

La Cia rileva che le alte temperature, che in alcune zone hanno toccato livelli record, e la loro combinazione con l’andamento climatico anomalo dell’inverno e della primavera hanno, infatti,
portato a maturazione precoce le uve che potranno essere raccolte entro tempi brevi e, quindi, vinificate. E questo non solo nelle regioni centro-meridionali colpite dall’ondata di caldo
torrido, ma anche nel resto dell’Italia.

Di conseguenza, ad agosto non si procederà solo alla raccolta delle uve precoci (Chardonnay, Pinot bianco, M?er Turghau, Primitivo) in Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna, ma anche alle
altre varietà, soprattutto quelle che solitamente sono a maturazione intermedia che poi rappresentano la maggior parte della nostra produzione (Trebbiano, Sangiovese, Barbera, Corvina,
Merlot).

Un’anticipazione ci sarà anche per le uve tardive (Aglianico, Nebbiolo, Cabernet, Raboso) che si vendemmiano, in tempi normali, nella seconda decade di ottobre.

Per quanto concerne la produzione di vino, la Cia sostiene che sarà superiore a quella dello scorso anno (più 3-4 per cento), attestandosi sopra i 49 milioni di ettolitri. A
contendersi il primato tra le regioni, ancora una volta il Veneto, la Puglia, la Sicilia e l’Emilia Romagna.

Quanto, invece, alla qualità, salvo rivolgimenti climatici dirompenti, sarà -afferma la Cia- generalmente buona, con punte di eccellenza, con gradazioni alcoliche più
elevate rispetto al 2006 e con caratteri organolettici superiori alla media.

www.cia.it