—–Original Message—–
Date: Mon, 1 Oct 2018
Subject: Scola Angelo Cardinale : Autobiografia, Libro  «HO SCOMMESSO SULLA  LIBERTA’»  – Presentazione – Arciv. Mario Delpini – Europasia informa
Presentata in Curia a Milano l’autobiografia dell’Arcivescovo emerito

CARDINALE ANGELO  SCOLA: «HO SCOMMESSO SULLA  LIBERTA’» autobiografia

Dalla prima infanzia in una famiglia da ‘compromesso storico’ ante litteram – la madre di grande fede e di grande forza, il padre socialista massimalista e buonissimo – all’incontro con la fede e con don Giussani. Quindi la stima di Giovanni Paolo II e la rapida affermazione nella gerarchia ecclesiale: vescovo nella ultrarossa Grosseto,  poi rettore della Lateranense, patriarca di Venezia ed arcivescovo di Milano; e quasi papa nel Conclave del 2013 – una agenzia di stampa aveva addirittura  diffuso la notizia della sua elezione – quando invece venne scelto Jorge Mario Bergoglio.

Questo, e molto altro, nell’autobiografia del Cardinale Angelo Scola“Ho scommesso sulla libertà, scritta con il giornalista Luigi Geninazzi, edizioni Solferino, presentata al Salone convegni della Curia Arcivescovile di Milano. Alla tavola rotonda coordinata da Annamaria Braccini, giornalista di “La Chiesa nella città”, sono intervenuti lo stesso  Geninazzi, Alberto Sportoletti, membro del Coordinamento diocesano Associazioni Movimenti e Gruppi e Valentina Soncini, docente e segretaria del Consiglio Pastorale Diocesano.

Quindi l’intervento di Scola e il saluto dell’Arcivescovo di Milano mons. Mario Delpini.

È lucido e consapevole, ma pieno di speranza, lo sguardo con cui Scola racconta la sua vita, la Chiesa e l’Italia, nella profonda e sorprendente conversazione con Luigi Geninazzi: dalla riscoperta della scelta cristiana nell’adolescenza alla militanza in Comunione e Liberazione in fecondo dialogo con il «genio educativo» di don Giussani, e dalle incomprensioni con qualche autorità ecclesiastica milanese all’amicizia con Giovanni Paolo II che lo nomina vescovo a soli quarantanove anni.

Non mancano ricordi personali e collettivi, dal travaglio della lunga malattia e dall’esperienza della psicoanalisi al passaggio tra il papato di Ratzinger, a cui fin dall’avventura di «Communio» lo lega una intensa amicizia intellettuale, e quello di Bergoglio, definito «un salutare colpo allo stomaco per le Chiese d’Europa».

Al centro di questo ricco affresco di aneddoti e riflessioni si staglia una domanda cruciale: a che punto è la Chiesa di oggi?

Tra chi riduce il cristianesimo a semplice religione civile e chi propone un puro ritorno al Vangelo, il cardinale indica una «terza via» che è quella delle implicazioni dei misteri della fede.
E dell’impegno fattivo dei credenti per contribuire, ripartendo dalla fede, alla «nascita di una nuova Europa, inevitabilmente meticcia ma non per questo senza più identità».

Ad alleggerire la profondità dei temi discussi, Scola e Delpini si sono alternati in alcune battute. Due tra le tante. Scola: “Quando sono andato vescovo a Grosseto, i frequentatori  della chiesa erano l’8%, lo stesso numero di quando ho lasciato. Non ho perso nessuno”. Delpini (accennando alla sala nella quale si è svolta la presentazione  dove giganteggiano quadri dei vescovi milanesi): “Ogni volta che entro qui sono intimorito dagli sguardi severi dei miei predecessori. Quando sarà il mio turno, lascerò solo una mia fotografia”.

Foto:

– Il presidente di Europasia Achille Colombo Clerici con il card. Angelo Scola