Carne rossa, con le verdura fa meno male

Carne rossa, con le verdura fa meno male

Una sorta di paracadute alimentare? Secondo un numero crescente di ricerche, il consumo di carne rossa favorisce diverse malattie, tra cui alcuni tipi di tumore e l’arteriosclerosi. Tuttavia,
per chi non vuole rinunciare, vi è una speranza: mangiata con verdura, la carne rossa diventa meno portatrice di malattie e più digeribile.

Lo spiega una ricerca del Plant and Food Research Institute (Nuova Zelanda), diretta dalla dottoressa Chrissie Butts e pubblicata sul “Journal of Food Science”.

Gli scienziati hanno messo sotto esame due gruppi di topi da laboratorio: il primo ha consumato carne rossa con vegetali ricchi di fibra fermentabile, il secondo (gruppo di controllo) solo
carne rossa.

In base all’osservazione, i roditori del primo gruppo mostravano un intestino meno inquinati da sottoprodotti nocivi della digestione della carne rispetto a quelli del secondo

Secondo gli esperti, a fare la differenza sono i meccanismi della digestione (negli uomini come nei topi).

Quando cioè si assume carne, la maggior parte delle proteine vengono digeriti e assorbite dall’intestino tenue; tuttavia, il rimanente non viene digerita, raggiunge il grosso intestino e
può produrre composti pericolosi per la salute.

Ecco allora i meriti della verdura: la fibra in essa contenuta stimola i batteri buoni ed inibisce quelli nocivi, riducendo i composti ed i seguenti rischi.

Perciò, conclude la dottoressa Butts, “La nostra ricerca ha dimostrato che fornendo componenti dietetici che sostenevano batteri benefici, e limitando la crescita di batteri patogeni nel
grosso intestino, siamo stati in grado di ottenere un effetto positivo sulla salute dell’ospite”.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento