Brutte notizie per chi ama il carnevale (1). L’Ufficio per la tutela dei consumatori di Duesseldorf (Germania) mette in guardia dall’indossare costumi e maschere a diretto contatto con
la pelle: diversi articoli contengono colori a dispersione, suscettibili di causare allergie, e nel peggiore dei casi potrebbero anche essere cancerogeni.

A seconda della tecnica e del materiale usato, le sostanze coloranti possono non essere fissate correttamente, e quindi sciogliersi con il sudore. Di solito, a ridosso del carnevale
scattano i controlli su vestiti, parrucche, cappelli e maschere per verificare la permeabilità dei colori; negli ultimi anni ne sono venuti alla luce di sconsigliabili,
utilizzati soprattutto da produttori asiatici.

Già l’Ufficio federale per la valutazione dei rischi (BfR,) aveva chiesto di rinunciare all’impiego di otto colori a dispersione per tessuti che vanno a contatto diretto della
pelle. I produttori tedeschi assicurano che non li adoperano più, ma i tessuti possono colorati in altri Paesi ed essere importati. E in Italia? Sarebbe interessante sapere se
sono state fatte indagini su tessuti e maschere usate per il carnevale già in atto.

Una interrogazione in tal senso è stata preannunciata dalla senatrice Donatella Poretti.

Nel frattempo consigliamo di evitare gli acquisti di articoli di carnevale da venditori improvvisati, di comperarli, invece, nei negozi e di conservare lo scontrino: in caso di
contestazioni si saprà con chi protestare.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

(1) http://www.sueddeutsche.de/gesundheit/835/456503/text/print.html