Il Codacons accoglie con favore la decisione del ministro Fioroni di ristabilire un tetto alle spese dei libri anche per le scuole superiori, nonostante ci siano dei negativi ritocchi verso
l’alto (prima liceo classico passa da 317 euro dell’anno accademico 2002/2003 a 320 euro, liceo scientifico da 303 a 305 etc etc), resta un provvedimento positivo, anche perché si
estende anche agli anni successivi al primo, ma non basta!

Il vero problema, infatti, è che le scuole poi non rispettano i limiti e sforano i tetti. Ecco perché il Codacons chiede al Ministro dell’istruzione di stabilire precise sanzioni
da applicare nel caso di sforamento dei tetti ministeriali.

Inoltre ricordiamo al ministro la proposta innovativa formulata lo scorso anno dal Codacons per affrontare il problema dei libri troppo pesanti: obbligare le case editrici a stampare in
copertina, oltre al prezzo, anche il peso del libro, in modo da incentivare le industrie a ridurlo e gli insegnanti a valutarlo come possibile criterio di scelta.

Il peso del libro, oltre a creare problemi alle schiene dei ragazzi, contribuisce al caro libri. Basti pensare, ad esempio, alle pesanti e costose copertine. Inoltre se i libri fossero
fascicolati in sezioni a se stanti, i genitori potrebbero acquistarli in tempi diversi, dilazionando la spesa. Infine, in caso di effettivo aggiornamento, potrebbe essere acquistato solo il
capitolo realmente aggiornato e non tutto il testo. Anche su questo il Codacons chiede al ministro Fioroni di intervenire con un nuovo decreto.