Caseifici Zani presenta una bella idea: il Paneer, formaggio tipico indiano

Caseifici Zani presenta una bella idea: il Paneer, formaggio tipico indiano

Il Paneer è un formaggio tipico indiano ed è la nuova idea “business oriented” dei Caseifici Zani. Un concetto unico, importantissimo, che nasce da un’accurata analisi: la popolazione indiana rappresenta il 4,1% della cittadinanza straniera non comunitaria in Italia ed è composta da oltre 160.000 persone (che, aggiunte alle comunità Pakistane e Bengalesi arriva a più di 400.000 unità). Le regioni con maggiore presenza di Indiani sono Lombardia, Lazio ed Emilia Romagna.

Il Paneer è un formaggio realizzato con il latte vaccino, ma senza sale e senza caglio e può essere mangiato fresco, fritto, grigliato o come ingrediente per zuppe e piatti di cucina fusion. Se viene dorato sulla griglia mantiene la sua forma quadrata senza fondersi. È dunque un formaggio adatto a tutte le occasioni.

Paneer

Paneer

Un eccellente prodotto, sia per il palato che per la salute, che delizierà anche il gusto degli italiani. Difatti è un formaggio “vegetariano”, un segmento che, nel nostro Paese, è in costante crescita e che oggi conta più di 5.000.000 di persone, un dato che sfiora il 10% della popolazione totale.

Un colpo geniale, novità assoluta nel suo genere e sinonimo di futuro successo.

Caseifici Zani ha il prodotto perfetto per soddisfare i gusti di ogni cliente, da ogni parte del mondo!

Il prezzo consigliato al pubblico per la confezione da 160 g di Paneer Zani è di Euro 2,00

Chiara Danielli
Redazione Newsfood.com

Gli Indiani in Italia
=====================================

La maggior parte degli immigrati indiani presenti nel nostro Paese proviene prevalentemente da due zone geografiche diametralmente opposte del subcontinente indiano: il Punjab, a Nord (da cui giungerebbe circa l’80% degli indiani presenti in Italia, professanti per lo più il sikhismo) e il Kerala (nel profondo Sud, dove i cristiani rappresentano la terza comunità religiosa più ampia).
La collettività indiana in Italia è composta per lo più da persone giovani e, in generale, la componente maschile prevale su quella femminile in tutte le classi di età.
A differenza di altri gruppi di migranti, presenti prevalentemente nelle maggiori aree urbane, i punjabi sikh in Italia mostrano una spiccata tendenza ad insediarsi nelle zone rurali e periferiche. Inoltre si registra una loro forte presenza nel settore agricolo, nell’allevamento di bestiame e nella produzione lattiero-casearia, piuttosto che nel settore industriale-edile o nei servizi, come avviene per altre
collettività straniere.
I soggiornanti indiani in Italia: dati e caratteristiche socio-demografiche
In Italia gli indiani titolari di un permesso di soggiorno sono, secondo gli archivi del Ministero dell’Interno revisionati dall’Istat, 150.462 al 1° gennaio 2013, il 4,0%
di tutti i non comunitari soggiornanti nel paese, di cui rappresentano la sesta
collettività più numerosa… (leggi tutto…www.integrazionemigranti.gov.it).

======================

Redazione Newsfood.com

Related Posts
Leave a reply