CAVIT: Alla cantina trentina va il “Premio Speciale Vinitaly 2008”

E’ Cavit ad essersi aggiudicata il prestigioso Premio Speciale Vinitaly 2008 sancito dal Concorso Enologico Internazionale che ogni anno la manifestazione veronese organizza.

Si tratta dell’unica cantina italiana ad aver ottenuto tale prestigioso riconoscimento insieme alla canadese Peller Estates Winery – Niagara on the Lake (Ontario), alla francese S.C.V.
Champagne Beaumont des Crayeres – Mardeuil, alla tedesca Winzergenossenshaft Thungersheim EG (Bayern), alla greca Ktima Biblia Chora S.A. Kokkinochori (Kavala), la ceca Moravske Vinarske Zavody
Bzenec S.R.O. (Bzenec) e alla spagnola Adegas Galegas S.L. (Salvaterra – Pontevedra).

Secondo il regolamento del concorso, tale premio viene assegnato al produttore di ogni paese che ottenga il miglior risultato calcolato dalla somma dei punteggi più elevati e riferiti ai
3 migliori vini che hanno ottenuto la «Gran Menzione». Tale premio viene attribuito a condizione che il Paese di appartenenza dell’azienda abbia partecipato con oltre 10 aziende. I
tre vini che hanno contribuito a tale importante con il titolo di «Gran Menzione» sono Trentino Doc Pinot grigio Bottega Vinai 2007, Trentino Doc Nosiola Bottega Vinai 2007,
Trentino Doc Traminer Aromatico Bottega Vinai 2007. La proclamazione dei vincitori verrà fatta giovedì 3 aprile, in occasione della cerimonia inaugurale del 42° Vinitaly a
Verona. Cavit primeggia così fra tutte le aziende italiane e si erge a rappresentante dell’alta qualità enologica del proprio Paese come migliore cantina italiana.

Tale riconoscimento va ad aggiungersi quest’anno «all’etichetta d’argento» per la confezione e packaging ottenuta al 13° Concorso Internazionale di Packaging del Vinitaly 2008
dal Prosecco Spumante Extra Dry, all’interno della categoria: «Confezioni di vini spumanti prodotti con fermentazione in autoclave (metodo charmat) e con fermentazione in bottiglia
(metodo classico)». 100 in tutto i premi assegnati (105 nel 2007) su 3.669 campioni inviati al giudizio (3.507 lo scorso anno) da quasi 1.200 aziende di 32 Paesi (1.103 aziende di 31
Paesi nel 2007), a dimostrazione dell’estrema selettività del concorso, nato per premiare l’eccellenza e per incentivare il miglioramento della qualità della produzione enologica
mondiale. 105 i giudici impegnati a Verona dal 26 al 30 marzo, divisi in 21 commissioni di valutazione, ciascuna composta da 2 enologi italiani e 1 straniero nominati dall’Associazione Enologi
Enotecnica italiani e da 2 giornalisti di fama internazionale selezionati dall’Ice (Il metodo di valutazione seguito è stato quello dell’ «Union Internationale des
OEnologues», che prevede l’espressione dei giudizi in centesimi)

Queste corone – oltre a premiare l’azienda e tutto il team di professionisti che ogni giorno con passione si dedica con amore alla produzione di vini di alta qualità – si somma ai
più recenti successi ottenuti in altri rinomati concorsi internazionali. In occasione del concorso svizzero SIAL China Wine&Spirits Competition Cavit infatti ha conquistato tre
medaglie d’oro (con il ricercato Rupe Re Vendemmia Tardiva 2006 e due vini della stessa linea: Bottega Vinai Chardonnay 2006, Bottega Vinai Sauvignon 2006), e quattro d’argento (rispettivamente
con Bottega Vinaia Merlot 2004, Mastri Vernacoli Sauvignon Blanc 2007, Maso Cervara Teroldego Rotaliano 2005, Alta Italia Pinot Grigio 2007).

Non più tardi di una settimana fa poi, in occasione del 47° Concorso Enologico Nazionale di Pramaggiore , le commissioni di assaggio organizzate e gestite dall’Associazione Enologi
Enotecnici Italiani hanno assegnato a Cavit il Premio «Oscar Regionale» per aver ottenuto, tra tutte le aziende partecipanti, il maggior numero di vini DOC e DOCG premiati.

Cavit è nata nel 1950 come consorzio di cantine con l’obiettivo di creare e di diffondere la «cultura» del vino in tutta la regione, assistere le associate e contribuire
alla «formazione» dei viticoltori trentini. Oggi conta 75 milioni di bottiglie l’anno (nei diversi formati), 11 cantine associate con un totale di 4.500 viticoltori e rappresenta il
65% della produzione trentina con oltre 5.700 ettari di coltivazione.

Presente ai concorsi enologici internazionali più rinomati e prestigiosi, ha ottenuto, dal 2000 ad oggi, più di 300 tra premi e riconoscimenti.

Related Posts
Leave a reply