Zampone o cotechino per il cenone di Capodanno?

Zampone o cotechino per il cenone di Capodanno?

Zampone e cotechino sono i re indiscussi del Capodanno. La tradizione vuole, infatti, che allo scoccare della mezzanotte, venga servito cotechino o zampone accompagnati da qualche cucchiaio di lenticchie, come auspicio di buona fortuna. Ma sono la stessa cosa?

Differenza tra cotechino e zampone

Cotechino e zampone sono spesso scambiati per lo stesso prodotto, ma si tratta di insaccati differenti, almeno in apparenza. Quello che li distingue, infatti, è l’involucro. Il cotechino viene insaccato nel budello o cotenna di maiale (a volte anche artificiale), mentre per lo zampone si usa la zampa anteriore del maiale.

Il contenuto invece, è lo stesso. L’impasto, opportunamente speziato, prevede il 60% di carni magre fresche, il 20% di cotenna tenera e il 20% di gola, guanciale e pancetta. La paternità del cotechino e dello zampone spetta all’Emilia Romagna, sebbene sia stata rivendicata da altre regioni italiane, come la Lombardia, il Trentino e il Veneto. Lo zampone di Modena e il cotechino di Modena, infatti, sono stati insigniti dell’ IGP (indicazione Geografica Protetta), il prestigioso riconoscimento europeo al valore delle specialità alimentari.

Questa certificazione garantisce al consumatore che:

  • La lavorazione della carne avvenga esclusivamente in un’area ben definita, nel rispetto del tradizionale legame con il territorio d’origine;
  • La ricetta utilizzata sia quella tradizionale;
  • Le materie prime impiegate siano di qualità;
  • I prodotti presentino caratteristiche organolettiche ben precise.

Meglio zampone o cotechino?

La differenza tra zampone e cotechino è davvero marginale, come abbiamo ampiamente spiegato in precedenza e anche dal punto di vista calorico lo scarto è minimo. Lo zampone di maiale, infatti, apporta circa 262 calorie per 100 g di prodotto, mentre il cotechino 253 calorie per 100 g di prodotto.

Anche la cottura è pressoché la stessa. Se acquistati precotti, infatti, zampone e cotechino si cuociono in 20-30 minuti in acqua bollente. Una volta pronti, sono tagliati a fette spesse, e accompagnati da una generosa porzione di lenticchie.

Redazione Newsfood.com

 

Leggi Anche
Scrivi un commento