Cera una volta – 1° Candle Exhibition

E’ questo l’obiettivo di Cera Una Volta, il primo evento, unico nel suo genere in Italia, che, dal 6 al 9 dicembre prossimo, Assisi dedica interamente alle candele, alla cera ed a tutte le
componenti affini al loro mondo.

Un’iniziativa trasversale, rivolta a grandi e piccini, appassionati e curiosi, un’opportunità per trascorrere un weekend diverso alla riscoperta di un oggetto che un tempo era
indispensabile e che negli ultimi anni ha riscosso molto successo come complemento di arredo.
L’iniziativa, ideata da SEDICIEVENTI, l’agenzia di comunicazione nata dall’esperienza di Eurochocolate, è patrocinata dal Comune di Assisi, dalla Regione dell’Umbria, dall’ACI,
l’Associazione Cerai d’Italia e dall’AECM l’Association of European Candle Manufacturers, la Federazione che riunisce i produttori di candele di tutta Europa, dalla Facoltà di Agraria di
Perugia e dall’Università del Design di Perugia ed è realizzata con la prestigiosa collaborazione di Amnesty International.

Anche l’Ente Calendimaggio sarà parte attiva nell’organizzazione di Cera una volta, inserendo nel programma alcune delle attività che caratterizzano la tradizionale festa di
Maggio. In particolare, il 6 dicembre inaugurerà la kermesse uno spettacolo suggestivo con rievocazioni medievali, un viaggio indietro nel tempo in un’Assisi illuminata dalla fiaccole.
L’8 dicembre, poi, Buona Cera, l’ esclusivo special event in collaborazione con il Comune di Assisi vedrà la fredda notte di Assisi rischiarata dalla vivace fiamma delle fiaccole nei
punti nevralgici della città: la Rocca Maggiore, la Basilica a Valle e la Torre del Comune. Atmosfera unica in una città di indiscutibile bellezza e millenaria tradizione
A Cera una volta la candela diventa protagonista di laboratori didattici per grandi e piccoli, alla scoperta di segreti e curiosità, di mostre, di numerose attività di
intrattenimento a tema, oltre che di una fornitissima area commerciale, il Light Show, dove poter trovare un raffinato e gradito regalo di Natale.
Il grande emporio delle candele, che aprirà i battenti nella Piazza Inferiore di San Francesco, in collaborazione con Zeus Party, proporrà una vasta gamma di prodotti dalle
candele più tradizionali a quelle più fashion, dai colori e profumi più diversi, dai cerini ai candelabri ed alle bugie. Ampio spazio sarà dato anche alle candele
votive e alla cera lacca.

Nella cornice del Light Show troverà spazio anche lo splendido Presepe del Fortini composto da ben 27 statue a grandezza naturale, che, proprio ai piedi della Basilica di San Francesco,
ci ricorda che la prima rappresentazione vivente della natività di Gesù si deve al Poverello di Assisi, che nel Natale del 1223, a Greccio, volle ricreare l’atmosfera di Betlemme
in cui era nato Gesù.
Adulti, bambini ed operatori del settore sono attesi nell’area didattico-culturale di Palazzo Vallemani, in occasione di Cero anch’io Junior e Senior, laboratori live per scoprire come produrre
una candela artigianale e cimentarsi nella realizzazione di una creazione personalizzata.
Per chi, invece, fosse interessato a saperne di più sulla cera d’api e sull’intero mondo delle api, Cera una volta, in collaborazione con la Facoltà di Agraria di Perugia,
realizza l’ apposito percorso didattico Cera d’api all’interno della Ex Pinacoteca del Palazzo Comunale, che troverà il suo culmine, sabato 8 dicembre, in un convegno in cui si
parlerà della cera d’api a 360 gradi.
Ai più piccoli saranno dedicati anche ampi spazi di divertimento con il gioco e la favola. Con Cera una Volta Fairy Tale (Ex Pinacoteca – Palazzo Comunale) la candela entra nel mondo
delle fiabe attraverso un percorso narrativo lungo i vicoli della città in compagnia di Stoppino, la curiosa mascotte ufficiale della manifestazione.
Il Gioco vale la candela è, invece, il titolo di un calendario di appuntamenti con divertenti e spiritosi giochi a tema che si terranno quotidianamente presso la Ex Pinacoteca del
Palazzo Comunale, dove -tra un gioco e l’altro- si potrà anche assistere allo spettacolo Cera una volta una candela, che racconta la tenera storia di una candelina accesa sulla finestra
di una casa nella campagna di Candelara.
Per tutti i bimbi che compiranno gli anni dal 6 al 9 dicembre, infine, Cera una volta augura Buon Compleanno!, e regala un’ originale festa di compleanno con torta completa di candeline da
spegnere insieme a tanti amici (Volta Pinta – Piazza del Comune).
Non mancheranno gli spazi espositivi dove poter ammirare le candele e tutto ciò che ad esse è legato:
Cere in mostra (Galleria Le Logge-Piazza del Comune) sarà la prestigiosa vetrina delle più belle candele d’autore e statue in cera, perché plasmare la cera può dare
vita a vere e proprie opere d’arte; Diamoci un taglio! (Sala Calendimaggio-Piazza del Comune) è il titolo dell’originale raccolta di forbici da candela, oggetti antichi e rari esposti in
un contesto unico.

Infine, Paese che vai, candela che trovi, un percorso di immagini e spettacoli per le vie della città, rappresenta un vero e proprio viaggio nella tradizione della candela attraverso le
diverse culture. In questo ambito, ogni giorno, verrà riproposta nel Piccolo Teatro degli Stabili una curiosa quanto affascinante esibizione live della Danza del Candelabro, l’antica
danza egiziana che celebra i matrimoni.
Se la candela, talvolta, non può prescindere dal portacandele, Cera una volta non poteva non dedicare uno spazio anche ai candelabri, con una particolare attenzione a quelli liturgici,
oggetto della mostra Luce della fiamma (Sala Norsa – Piazza San Francesco). In collaborazione con l’Università del Design di Perugia, inoltre, partirà da Cera una volta la
competizione didattica riservata a giovani designer, Disegna una bugia, per creare innovativi portacandele che resteranno in mostra insieme agli studi progettuali per tutta la durata della
kermesse presso il Foyer del Teatro Metastasio.
Candelibri ripropone indimenticabili pagine di letteratura da ascoltare comodamente seduti all’interno dello storico Bar San Francesco che, per l’occasione diventa una prestigiosa sala di
lettura dove immergersi nell’atmosfera surreale creata dalla luce tenera di tante candele.
Le iniziative di Cera una volta non finiscono qui, perché il mondo della candela è ampio e trasversale.

Attraverso seminari e convegni a tema in programma presso la Sala Norsa in Piazza San Francesco, si cercherà di raccontare la lunga storia delle candele nelle diverse culture, di
spiegare il significato che la candela riveste nella liturgia e nella simbologia sacra, di fare luce sulle peculiarità tecniche di un oggetto solo apparentemente povero. Nella giornata
di apertura si svolgerà un interessante seminario organizzato in collaborazione con l’Associazione Cerai d’Italia sugli aspetti tecnici e tecnologici della produzione ceraria, con
particolare attenzione alla ricerca sull’ignifugazione. Venerdi 7 dicembre, sarà la volta del convegno “La Candela: luce, simbolo e liturgia” che metterà in evidenza il ruolo
della candela nel sacro. A chiudere l’attività convegnistica di Cera una volta sarà Amnesty International che ha scelto Assisi e l’evento dedicato alla candela -simbolo, tra
l’altro, dell’organizzazione internazionale fondata da Peter Benenson- per promuovere e sensibilizzare una volta di più alla difesa dei diritti umani.

La luce fioca e soft di una candela non può che richiamare a ritmi lenti e rilassanti: Che fretta Cera sarà uno spazio dedicato al relax, alla cura del sé e alle diverse
tecniche di meditazione. Sarà dunque possibile immergersi nella distensiva atmosfera della Beauty Farm – San Crispino Suite, esprimere un desiderio e lasciarlo bruciare perché si
avveri sulla fiamma delle Candele dei desideri all’interno del Tempio di Minerva, nel cuore del centro storico o, infine, diventare protagonisti di Rosso di Cera, dove farsi fotografare tra
candele di ogni tipo e rilassanti arredi.
Nei ristoranti del centro storico, poi, si cenerà solo A lume di candela, perchè il fascino romantico della fiamma renda ancora più accativante gustare le prelibatezze
tipiche del territorio assisano.
Un calendario di eventi e animazioni unico nel suo genere, quello di Cera una volta, che accenderà l’interesse del pubblico, immergendolo nella magica ed emozionante luce delle candele
in un ambiente da favola offerto dalla splendida città di Francesco in cui respirare l’atmosfera natalizia

Related Posts
Leave a reply