Cereali naturalmente senza glutine, ideali per celiaci

Cereali naturalmente senza glutine, ideali per celiaci

              Vedi altri articoli: Buon Cibo = Buona Salute – clicca qui

Buon cibo = Buona salute
Rubrica a cura di Bioimis

 

Cereali senza glutine
Come ormai noto, le proteine gliadina e glutenina, presenti nei cereali, con l’acqua si uniscono e formano il glutine. Questo complesso di proteine in alcune persone determina nell’intestino una risposta immunitaria non corretta che provoca un processo infiammatorio e alterazioni patologiche nei villi intestinali. Questa condizione è definita celiachia.

Il glutine è sempre presente in alcuni tipi di cereali come frumento, segale, orzo, avena, farro e, per quanto riguarda cereali d’importazione, kamut, triticale, bulgur e cous-cous.
Chi è affetto da celiachia deve inevitabilmente seguire una dieta senza glutine.

Lo sapevi che esistono vari tipi di cereali che naturalmente sono privi di glutine?
Ecco alcuni “pseudocereali”, utili sia per le persone celiache, intolleranti al glutine, ma anche per chi vuole variare la propria alimentazione e scoprire nuovi gustosi sapori.

RISO
Il riso è sicuramente l’alimento senza glutine più consumato al mondo. Altamente digeribile, favorisce il benessere dell’intestino, poiché regolarizza il transito, riduce la formazione di gas e aiuta a limitare la sensazione di gonfiore. E’ un cereale ricco in amido, vitamine del gruppo B e sali minerali. Ci sono diversi tipi di riso, tra questi sono da preferire il riso basmati, il riso rosso o il riso venere perché presentano intatte tutte le proprietà che vengono perse in quelli raffinati.

QUINOA
La quinoa è particolarmente apprezzata per via del suo alto valore proteico. Gli amminoacidi contenuti sono di un alto valore biologico e, per questo, la quinoa risulta ideale per vegetariani e vegani. Ha notevoli proprietà nutritive: è ricca di fibre e minerali, tra cui ferro, zinco, magnesio e fosforo, oltre che di grassi insaturi.

GRANO SARACENO
Il grano saraceno, o grano nero, non ha niente in comune con il grano. Anche se ancora poco conosciuto, è stato utilizzato molto nell’antichità. E’ ricchissimo di proteine e, vista l’assenza di glutine, è molto leggero e digeribile. Contiene anche vitamine e sali minerali come ferro, zinco e selenio. Risulta molto utile per combattere il diabete e contro le emorragie.

MIGLIO
Il miglio è un cereale ricchissimo dal punto di vista nutrizionale tanto da poter essere considerato un vero remineralizzante naturale. Ricco di sali minerali, contiene vitamina A, E e quelle del gruppo B. Le proteine contenute sono ben assimilabili e più complete di quelle presenti nel frumento e nel riso, per questo meglio digeribili.

AMARANTO
L’amaranto è una pianta che proviene dal Centro America, ricca di proteine e con un altissimo valore biologico per la quantità di amminoacidi che contiene, come la lisina e la metionina, essenziali e presenti raramente nei cereali.
Ha un elevato contenuto di calcio, fosforo, magnesio e ferro, contiene fibre e per questo è molto utile nella digestione e per le funzioni intestinali.

Anche se poco conosciuti, ad eccezione del riso che è di uso comune, gli pseudocereali oggi si possono trovare facilmente nei supermercati o in negozi di alimenti biologici.

 

Articolo a cura di Bioimis
in esclusiva per Newsfood.com
Riproduzione riservata

==========================================

BioimisQuesta rubrica –Buon cibo = Buona salute–  di proprietà di Newsfood.com è curata in esclusiva da esperti nutrizionisti BIOIMIS, e ha l’intento di dare le nozioni necessarie per far conoscere le qualità intrinseche dei cibi e i loro effetti. Propone anche ricette salutari e consigli, affinchè ognuno di noi, in modo consapevole, possa decidere della sua vita e di quella dei suoi cari.
Dipendentemente dai tempi e dallo spazio, la redazione di Newsfood.com, in collaborazione con gli esperti nutrizionisti, cercherà di dare risposte ai quesiti di chi vorrà approfondire gli argomenti trattati.
Per contatti e info Clicca qui

*Bioimis = origini della Vita
Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento